QUALI ROLAND GARROS: L’ITALIA SFIORA L’EN PLEIN

Termina con sei vittorie e due sconfitte la prima giornata di quali per i colori italiani. Avanti Fabbiano, Vanni, Volandri, Cecchinato, Arnaboldi e Viola. Eliminati Marcora e Starace

TENNIS – Parigi. Inizia con una giornata vicina alla perfezione il torneo di qualificazione del Roland Garros per i colori italiani. Degli otto azzurri impegnati oggi nel primo turno del tabellone cadetto, ben sei hanno strappato il pass il penultimo step, prima di arrivare al main draw.

Andiamo in ordine cronologico e iniziamo da Thomas Fabbiano, che in mattinata si è sbarazzato senza affanni della wild card Guillame Rufin, con il punteggio di 6-4 6-2 in poco più di un’ora e mezzo. Purtroppo ora il tennista pugliese dovrà affrontare, per un posto al turno decisivo il suo connazionale ed amico Luca Vanni. Il 30enne aretino è però stato l’eroe di giornata, con un’epica vittoria maratona contro il talentuoso rumeno Adrian Ungur, piegato per 6-4 6-7(4) 16-14, al termine di una battaglia durata quasi quattro ore. Ha staccato il biglietto per il secondo turno anche il mestrino Matteo Viola, superando il bosniaco Mirza Basic per 6-2 7-5. Per lui ora un quasi derby, con il kazako che vive in Italia, Andrey Golubev, bravo a sconfiggere a sua volta il giapponese Moriya con un netto 6-1 6-2. Il vincitore tra Viola e Golubev, si incrocerà con il vincente del derby Fabbiano – Vanni.

Buon esordio anche per il canturino Andrea Arnaboldi, che ha rimontato lo statunitense Denis Kudla per 4-6 6-3 6-2 e ora affronterà il francese Pierre Hughes Herbert, che a sua volta ha battuto l’argentino Olivo. Nell’ultimo spicchio di tabellone hanno fatto un passo avanti, verso l’eventuale derby che metterà in palio un posto nel main draw, Filippo Volandri e Marco Cecchinato. Il toscano, ex ottavofinalista a Parigi, ha piegato Austin Krajicek per 7-6(3) 6-1 e ora attende Michael Berrer. Il siciliano invece, ha avuto la meglio per 7-5 6-2 contro l’australiano Jordan Thompson e ora attende Jung.

Due sono invece i caduti italiani. Si tratta del lombardo Roberto Marcora, sconfitto dal giovane svedese Elias Ymer per 6-3 1-6 6-2 e del campano Potito Starace, superato in volata dall’esperto Victor Hanescu per 6-4 4-6 6-4.

Tra gli altri incontri, si segnala l’uscita di scena della testa di serie numero uno: il coreano Chung, uno dei più attesi protagonisti della vigilia. Il tennista asiatico, impegnato solo due giorni fa nel challenger di Seoul, ha probabilmente pagato le molte ore di viaggio dalla Corea, come si evince dall’incredibile 6-0 6-1, subito dall’americano Donaldson.

Nella foto Thomas Fabbiano, uno dei sei italiani che hanno superato il primo turno di qualificazione


Nessun Commento per “QUALI ROLAND GARROS: L’ITALIA SFIORA L’EN PLEIN”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.