QUALI US OPEN: BERRETTINI SUGLI SCUDI, FANTASTICA BRESCIA. KO NAPOLITANO E CARUSO

Due vittorie e due sconfitte per i tennisti azzurri impegnati nella sessione diurna delle quali degli US Open. Stanotte Giustino, Vanni e Paolini
mercoledì, 23 Agosto 2017

Tennis. Entrano nel vivo le qualificazioni degli imminenti US Open, ultimo Slam stagionale in programma sui campi in cemento di Flushing Meadows all’interno della splendida cornice rappresentata dalla città di New York. Ricordiamo che Alessandro Giannessi è riuscito al fotofinish a garantirsi l’accesso nel main draw sottraendosi così alla lunga trafila del tabellone cadetto, sempre ricco di insidie vista la caratura dei giocatori impegnati nel tentativo di raggiungere la gloria. Ben sette sono gli azzurri in programma nella giornata odierna per i rispettivi debutti. Andiamo dunque a vedere come si sono comportati gli esponenti scesi in campo durante la sessione diurna.

Avanza senza troppi problemi la grande speranza del movimento nostrano Matteo Berrettini, reduce da un periodo di forma davvero strepitoso conciso con il sigillo nel Challenger di San Benedetto del Tronto e giustiziere del non irresistibile Marcelo Arevalo grazie al risultato conclusivo di 6-2 7-6(0) in un’ora e mezza di partita. Il giovane romano ha disputato una frazione inaugurale semplicemente perfetta concedendo soltanto le briciole al rivale, preludio ad un secondo set assai più equilibrato nel quale ciascuno dei contendenti ha mantenuto autorevolmente il proprio turno di battuta. Giunti però al tiebreak, il talento capitolino ha ripreso in mano le redini delle operazioni archiviando la pratica in breve tempo e garantendosi dunque la possibilità di un riposo adeguato in vista di un secondo turno da urlo contro l’astro nascente della scuola greca Stefanos Tsitsipas.

Escono purtroppo di scena sia Stefano Napolitano che Salvatore Caruso dai quali ci si attendeva certamente di più, piegati entrambi in due parziali rispettivamente dallo sloveno Blaz Rola (6-3 6-2) e dal padrone di casa Evan King (7-6(2) 6-2). Il 22enne bellese non è mai riuscito ad entrare nel match incappando in una giornata totalmente negativa, forse dovuta anche alla stanchezza accumulata nelle ultime settimane impreziosite dalla semifinale conseguita a Vancouver. Stesso discorso applicabile anche al connazionale di Avola, anche se il numero 170 del mondo ha oltretutto il rimpianto di non essere stato in grado di sfruttare la bellezza di quattro palle break nel parziale di apertura che avrebbero potuto indirizzare in maniera diversa l’inerzia della sfida.

In campo femminile straordinaria impresa quella realizzata da Georgia Brescia ai danni della 19ma favorita del seeding Patricia Maria Tig, arresasi con il punteggio di 7-6(11) 1-6 6-2 al cospetto di una prestazione a dir poco formidabile da parte dell’avversaria. A fare la differenza è stato senza dubbio l’andamento della prima frazione colmo di capovolgimenti di fronte, durante il quale la tennista romena fallito ben nove set point cedendo poi inevitabilmente al contraccolpo psicologico. Nonostante un tentativo di reazione abbozzato nella seconda partita dominata in lungo e in largo, la portacolori del Bel Paese ha recuperato la giusta concentrazione e non si è più guardato indietro a dispetto della caratura della rivale e dell’importanza della posta in palio. Il prossimo ostacolo nella corsa verso il quarto Major dell’anno risponde al nome della svizzera Stefanie Voegele, attualmente situata alla posizione numero 202 WTA.

Questa notte sarà infine il turno degli altri tre italiani di scena oggi: Lorenzo Giustino sfiderà infatti il francese Robert, Luca Vanni troverà l’esperto canadese Dancevic, passando per l’incontro tra Jasmine Paolini e l’insidiosa romena Cadantu.


Nessun Commento per “QUALI US OPEN: BERRETTINI SUGLI SCUDI, FANTASTICA BRESCIA. KO NAPOLITANO E CARUSO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.