QUALI WTA TORONTO: GIORGI SI ARRENDE ALLA CIRSTEA, SFUMA L’ACCESSO AL MAIN DRAW

La maceratese cede il passo ad una Cirstea più continua nell'arco del match, lasciando quindi la sola Roberta Vinci nel tabellone principale

Tennis. L’ultimo turno di qualificazioni del prestigioso WTA di Toronto si rivela purtroppo fatale per una Camila Giorgi apparsa oggi decisamente discontinua a differenza di quanto avvenuto ieri, tanto che sarà la rumena Sorana Cirstea ad accedere al main draw della Rogers Cup grazie allo score conclusivo di 6-4 6-4 maturato in un’ora e venti minuti. I rimpianti vengono ulteriormente amplificati se si rivolge uno sguardo ai precedenti, visto che la maceratese si era aggiudicata entrambe le sfide svoltesi a Wimbledon nel 2013 e a Indian Wells l’anno successivo senza concedere neppure un set alla rivale.

Dopo uno scambio iniziale di break l’incontro si assesta sui binari dei rispettivi servizi, anche se emerge immediatamente la difformità di rendimento tra l’azzurra ammirata ieri e quella molto più fallosa alla quale si assiste nel pomeriggio odierno. Davvero troppo i dodici doppi falli totalizzati nell’arco dei due parziali, una serie di regali che hanno permesso alla 27enne di Bucarest di allungare nuovamente sul 4-2 pur non facendo ammirare soluzioni stupefacenti da fondo campo. Un lampo di classe e orgoglio da parte della Giorgi ha ripristinato nuovamente la situazione in parità, preludio tuttavia all’ennesimo disastro targato Camila, autrice del peggior turno di battuta dell’intera frazione utile a consegnare la posta in palio alla settima favorita del tabellone.

Piuttosto simile ma stavolta a parti invertite l’andamento del secondo set, contraddistinto da inaspettato equilibrio nella parte inaugurale prima di un susseguirsi interminabile di emozioni. La numero 83 del ranking è infatti finalmente riuscita a portarsi avanti grazie ad un tris di vincenti che hanno contribuito a minare le certezze dell’avversaria, senza risultare però altrettanto cinica nel confermare lo sforzo profuso, come testimonia i due agganci compiuti dalla Cirstea trovatasi per altrettante volte sotto di un break. Sul 4-4 la tensione era ormai alle stelle da entrambe le parti, gli errori sono aumentati a dismisura vista l’importanza del momento e l’epilogo purtroppo non è stato quello auspicabile; due game fiume durati rispettivamente dieci e dodici punti hanno infatti consegnato il successo alla tennista rumena, brava a mantenere i nervi saldi nelle fasi cruciali meritando probabilmente più della Giorgi l’ingresso nel tabellone principale. Ricordiamo che nella giornata di domani è atteso il debutto nel torneo di Roberta Vinci, unica italiana in tabellone nello splendido capoluogo della provincia dell’Ontario, opposta alla talentuosa russa Daria Kasatkina in quello che si prospetta un match non semplice dopo un periodo medio-lungo di stop occorso alla veterana tarantina.


Nessun Commento per “QUALI WTA TORONTO: GIORGI SI ARRENDE ALLA CIRSTEA, SFUMA L'ACCESSO AL MAIN DRAW”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di mAGGIO 2019

  • Serena vede "rosso". Al Foro Italico si è ritirata inaspettatamente per un risentimento al ginocchio, ma "Little Sister" non si arrende e ora punta diritta verso il Roland Garros.
  • Federer torna sulla terra. Anche Roma è rientrata nella programmazione di "King Roger" in vista del French Open. A seguito della sua partecipazione, la Fit ha addirittura aumentato il prezzo dei biglietti!
  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.