RAFA NADAL S’INVENTA RISTORATORE A MADRID

Rafa Nadal a 360° sia dentro che fuori dal campo. Dopo aver posto poco meno di due mesi fa la prima pietra per quella che sarà la sua accademia tennistica, adesso, in collaborazione con altri assi dello sport e dello spettacolo apre un ristorante a Madrid.

TENNIS – Rafa Nadal ristoratore? Proprio così. Il mancino più famoso del tennis mondiale, in collaborazione con i famosi cestisti Nba, Paul Gasol, Rudy Fernandez e il cantante Enrique Iglesias (figlio del celebre Julio) hanno deciso di aprire una catena di ristoranti in collaborazione con il businessman spagnolo Abel Matutes Prats. L’idea è quella di esportare la cultura gastronomica spagnola ricercando l’eccellenza dalla stessa. Il locale aprirà i battenti al pubblico a fine marzo sul Paseo de la Castellana, nº 36 (Madrid), luogo e cornice perfetta per assaporare nella suggestiva capitale iberica i piatti tipici della tradizione.

Lo spazio, circa 800 metri quadrati,  è stato arredato dalla Ilmiodesign evocando lo stile americano degli anni ’20, un particolare periodo storico in cui vigeva il cosiddetto ‘proibizionismo’.

Il grande progetto di investimento cerca, dunque, di combinare la cucina spagnola con la rivendicazione culturale dei loro partner. Si prevede di attrarre sia un pubblico adulto, sia coinvolgere i più giovani, non solo per la cucina, firmata una grande squadra di professionisti con esperienza pluriennale nel settore, ma anche per lo scenario ed il coinvolgimento che si potrà trovare accedendovi.

L’idea iniziale sembra aver avuto tra i principali promotori Nadal che ha subito cercato di coinvolgere e convinto l’amico Paul Gasol che, a quanto pare, ha raccolto in maniera entusiasta l’invito. Dunque una nuova avventura per Rafa, lontano stavolta dal campo da gioco che nelle ultime settimane lo sta riproponendo ai massimi livelli dopo un periodo, quello in riferimento all’infortunio, davvero poco brillante per l’ex numero uno del mondo. Rafa Nadal non è nuovo, ad ogni modo, a progetti legati all’aspetto extra tennis. Infatti lo stesso poco meno di due mesi fa, ha posto la sua prima pietra all’accademia tennistica a Manacor.

“Per noi l’educazione è fondamentale”, ha assicurato Nadal, che ha enucleato le varie fasi di realizzazione dell’opera: “Sappiamo che la percentuale di ragazzi che arriveranno al professionismo sarà esigua. Per questo il nostro obiettivo fondamentale è prepararli per il futuro come persone”.  Il campione spagnolo vuole che il ‘Rafa Nadal Sports Center’ diventi anche un centro di aggregazione sociale, usato dai suoi compaesani per praticare lo sport. “E’ il mio modo di restituire parte di quello che la mia terra mi ha dato”, ha concluso l’ex numero uno del mondo, che “se tutto andrà bene” spera di creare 140 nuovi posti di lavoro”.

Intanto stanotte (italiana) sarà impegnato nel delicato match che lo vedrà opposto al temibile (di questi tempi) Tomas Berdych, osso duro per lo spagnolo nonostante, lo stesso, nei quindici precedenti ufficiali abbia sempre portato a casa l’incontro.

 


Nessun Commento per “RAFA NADAL S'INVENTA RISTORATORE A MADRID”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di mAGGIO 2019

  • Serena vede "rosso". Al Foro Italico si è ritirata inaspettatamente per un risentimento al ginocchio, ma "Little Sister" non si arrende e ora punta diritta verso il Roland Garros.
  • Federer torna sulla terra. Anche Roma è rientrata nella programmazione di "King Roger" in vista del French Open. A seguito della sua partecipazione, la Fit ha addirittura aumentato il prezzo dei biglietti!
  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.