RAFA NADAL: “TORNO E BATTO IL NUMERO 1 AL MONDO. INCREDIBILE!”

TENNIS – Sarà Rafel Nadal a giocarsi la finale della Rogers Cup di Montreal contro il beniamino di casa Milos Raonic. Il maiorchino parla del suo match vinto contro Djokovic e del suo ritorno sul cemento dopo tanto tempo: “Sogno sempre partite come questa”.

Tennis, Montreal – Rafael Nadal ha superato in grande stile il n°1 del mondo e due volte campione della Rogers Cup Novak Djokovic con il punteggio di 6-4, 3-6, 7-6(2) e domenica lotterà per vincere il suo 25° titolo ATP World Tour Masters contro il beniamino di casa Milos Raonic. Con questa finale il maiorchino insegue il suo quarto Masters 1000 dell’anno dopo aver  vinto Indian Wells, Madrid e Roma.

Il due volte campione del Master canadese (2005 e 2008) ha esteso la sua striscia vincente sul cemento a 9-0 quest’anno. Nadal, che quest’anno ha già vinto più punti di Djokovic nella classifica race, battendo il serbo ha enormemente potenziato le sue possibilità di finire n°1. Dal canto suo Djokovic, la prossima settimana a Cincinnati, dovrà cercherà di completare il Career Golden Masters, infatti il Western & Southern Open è l’unico Master 1000 che Djokovic, finalista quattro volte, non ha mai vinto.

“L’avevo detto ieri che l’unica possibilità di vincere contro Novak era quella di giocare molto bene”, ha detto Nadal. “Per giocare molto bene devo giocare aggressivo, sennò non posso giocare bene su questo tipo di superficie. E l’ho fatto. Credo di aver giocato ad un livello altissimo stasera, ho preso le decisioni giuste nei momenti importanti. Sì, il servizio ha funzionato bene per tutta la sera e nei i colpi dalla linea di fondo ho cercato di stare molto vicino alla linea e andare dentro quando ne ho avuto la possibilità.”

Djokovic non è riuscito a vendicarsi di Nadal dopo che il n°4 del mondo lo aveva battuto sonoramente nel loro precedente incontro, una semifinale di cinque intensi set al Roland Garros mentre sei settimane prima il serbo aveva frenato la sfilza di vittorie di Nadal per otto anni a Montecarlo. Una rivalità che non accenna a spegnersi o a farci annoiare.

“E’stato un match molto equilibrato”, ha detto Djokovic. “Sono stati pochissimi i punti che hanno deciso il vincitore, non si può scegliere un momento particolare del match. Ho avuto le mie possibilità e anche lui. Credo che alla fine lui abbia giocato meglio. Ogni volta che giochiamo l’uno contro l’altro è sempre una partita emozionante da vedere per il pubblico. Stiamo competendo entrambi al massimo livello ed entrambi vogliamo vincere queste partite”.

Con questo risultato Nadal conduce ora gli head to head 21 a 15 e si avvicina alle vittorie di Djokovic sul cemento (6-11). Con il loro 36° incontro, i due pareggiano i conti con Ivan Lendl e John McEnroe nell’era Open.

“Ho iniziato questa parte importante della stagione con un grande risultato”, ha aggiunto Nadal. “Dopo Wimbledon e la piccola pausa che mi sono preso tornare in pista e battere il numero uno al mondo per essere in finale in un Masters 1000 è incredibile per me. Sono molto felice. Sono sempre molto concentrato quando gioco e credo che sia la conseguenza del mio entusiasmo e della mia passione per questo sport. Partite come quella di oggi contro Djokovic uno sogna sempre di giocarle. Il mio lavoro quotidiano è quello di essere pronto a giocare questo tipo di partite.

Il maiorchino arriva alla finale di domenica con un incredibile record di 47-3 nel 2013 e dovrà affrontare l’eroe di casa, Milos Raonic, con la possibilità di aggiungere il 25° titolo Master 1000 alla sua già impressionante collezione. Questo sarà il terzo incontro tra Nadal e Raonic. Il canadese non è riuscito a vincere un solo set nei tre incontri precedenti, il più recente giocato a Barcellona quest’anno.

“Domani sarà una partita importante. Vincere un altro Master 1000 è una grande illusione per me, ma so che tutto può succedere,” ha detto infine Rafa. “Non so cosa accadrà contro Milos Raonic, ma chi giocherà meglio avrà più possibilità di vincere. Posso solo dire che cercherò di giocare il mio miglior match e mi congratulerò con lui se vincerà. Se perderò sarò comunque molto contento del modo in cui ho giocato e dei risultati che ho raggiunto questa settimana”.


1 Commento per “RAFA NADAL: “TORNO E BATTO IL NUMERO 1 AL MONDO. INCREDIBILE!””


  1. Gabri ha detto:

    Raonic non ha mai vinto un set contro Rafa:

    2013 Barcelona
    Spain Clay S Nadal, Rafael
    6-4, 6-0
    2011 Tokyo
    Japan Hard R16 Nadal, Rafael
    7-5, 6-3
    2010 Tokyo
    Japan Hard R16 Nadal, Rafael
    6-4, 6-4


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Ottobre 2019

  • Sinner scatenato. Partito dalle qualificazioni, il 17enne altoatesino ha infuocato gli Internazionali d'Italia! Scoprite la sua storia nell'ultimo numero di Tennis Oggi.
  • Che caratteraccio Daniil! Medvedev ha un temperamento a volte iroso che lo rende poco simpatico, ma il suo tennis imprevedibile che non piace agli avversari piace molto al pubblico...
  • Il grande talento di Bianca. La Andreescu è la prima tennista nata nel Terzo Millennio capace di conquistare un titolo Slam. Ci è riuscita agli US Open sulla pericolosissima beniamina di casa Serena Williams.
  • Un secolo di gloria. Lo storico Circolo Canottieri Roma ha compiuto 100 anni e ha festeggiato con una favolosa festa alla quale sono intervenuti 500 soci ed ospiti illustri del mondo sportivo, artistico e culturale. A concludere la serata dei sontuosi fuochi d'artificio.