RAFAEL NADAL PARLA DELLE SUE CELEBRI ROUTINE

Il 21 volte campione Slam ha parlato delle sue celebri routine
mercoledì, 9 Marzo 2022

Tennis. Nel corso di una lunga intervista con uno dei suoi sponsor, Rafael Nadal ha parlato di una grande varietà di argomenti. Il fuoriclasse spagnolo si è espresso anche sulle sue celebri routine.

“È importante convivere con l’imperfezione delle cose, accettare che le cose non siano sempre perfette. Facendo proprio questo principio fondamentale, si possono tollerare meglio gli errori e i fallimenti.

Molte persone non sopportano gli insuccessi. Se una persona si impegna per raggiungere un obiettivo, secondo me non è mai un fallimento, magari è l’avversario a essere stato migliore.

È solo un obiettivo non raggiunto e ci si mette al lavoro per quello successivo. Per me il rischio reale è il modo in cui si affrontano i momenti difficili. 

Bisogna avere l’umiltà – quella vera, interiore, non la falsa umiltà di quando dici le parole giuste – di accettare che non sempre le cose vadano bene, in modo da poter tollerare nel migliore dei modi le difficoltà e guardare avanti con la giusta prospettiva” – ha spiegato il 21 volte campione Slam.

Rafa ha parlato anche delle sue celebri routine: “Contrariamente a quello che si pensa” ha detto sorridendo, “sono molto poco metodico e nemmeno sono ossessivo, con l’eccezione dell’intensità che metto nel lavoro.

Detto questo, ovviamente ci sono tanti altri che si allenano al massimo ma non hanno la fortuna che ho avuto io, lo tengo sempre ben presente. 

Penso di avere una grande predisposizione al lavoro ma in maniera disordinata, quindi con l’avanzare dell’età ho dovuto mettere ordine, senza arrivare ad essere perfetto. 

Non credo nella perfezione, nel diventare dei robot, ci deve essere spazio per un po’ di arte, di fantasia.

Mi piacerebbe molto non averli, non l’ho mai nascosto. Non cerco scuse, ma il tennis è uno sport aggressivo dal punto di vista mentale perché gli errori più piccoli ti possono rispedire a casa.

Devi sempre essere centrato al cento per cento per non farti distrarre da eventi esterni e si tratta allora di trovare la via per arrivare a questo stato di concentrazione. 

Io riesco a isolarmi da qualsiasi distrazione attraverso tutte queste cose che faccio quando gioco in torneo; quando mi alleno, invece, non ho alcun rituale”.


Nessun Commento per “RAFAEL NADAL PARLA DELLE SUE CELEBRI ROUTINE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.