RANKING ATP, “CAREER HIGH” PER MATTEO BERRETTINI

Il tennista azzurro entra per la prima volta in carriera nella Top 50. Bei balzi in avanti poi sono stati fatti registrare da Jo-Wilfried Tsonga e Thomas Berdych, entrambi reduci da infortuni ma protagonisti di un ottimo inizio di 2019

TENNIS – Avrebbe voluto centrare la finale del torneo di Sofia, ma nonostante la sconfitta subita contro Marton Fucsovics può comunque sorridere Matteo Berrettini, che fa registrare il suo nuovo “career high” all’interno del Ranking Atp. Il tennista azzurro infatti è salito alla posizione numero 46, entrando così per la prima volta in carriera nella Top 50 (la scorsa settimana era numero 53 del mondo), e dopo questo bell’inizio di 2019 è deciso a continuare a migliorare.

La semifinale raggiunta a Sofia ha confermato la crescita del ventiduenne romano, protagonista di due belle vittorie contro avversari di spessore come Karen Khachanov e Fernando Verdasco, ma questi buoi risultati devono essere un punto di partenza per diventare un giocatore solido e costantemente in grado di co potere ai massimi livelli. Tornando al ranking invece, il numero uno degli italiani rimane sempre Fabio Fognini, stabile alla posizione numero 15, mentre Marco Cecchinato guadagna una “casella” salendo alla numero 18, seguito da Andreas Seppi che invece, dopo l’eliminazione al primo turno subita a Sofia, scende di tre posizioni fino alla numero 40. Dietro di lui poi, oltre al già citato Matteo Berrettini, a completare il gruppo di azzurri nella Top 100 c’è Thomas Fabbiano, scivolato dalla posizione numero 84 alla numero 86, mentre all’interno della Top 200 ci sono Lorenzo Sonego (numero 109 del mondo, + 4 posizioni rispetto a una settimana fa), Paolo Lorenzi (numero 111, +3), Stefano Travaglia (numero 120, +2), Simone Bolelli (numero 137), Gianluigi Quinzi (numero 153), Luca Vanni (numero 155, -1), Filippo Baldi (numero 169, -3), Alessandro Giannessi (numero 170, -2), Salvatore Caruso (numero 173, -4), Andrea Arnaboldi (numero 176, +1), Lorenzo Giustino (numero 185, +2) e Stefano Napolitano (numero 198, +2).

TOP TEN

Non ci sono stati cambiamenti invece all’interno della Top Ten del Ranking Atp, sempre dominata da Novak Djokovic dall’alto dei suoi 10.955 punti, mentre entra nella Top 20 Nikoloz Basilashvili, nuovo numero 20 del mondo dopo essere salito di due posizioni rispetto ad una settimana fa. I “balzi” in avanti più importanti poi li hanno compiuti Jo-Wilfried Tsonga, che grazie alla vittoria del torneo di Montpellier ha guadagnato addirittura 70 “caselle” risalendo fino alla numero 140, Tomas Berdych, avanzato di altre 20 posizioni (attualmente è numero 59 del mondo) in questo inizio di 2019 che lo sta vedendo tornare ad alti livelli dopo lo stop per infortunio subito nella seconda parte del 2018, Pierre-Hugues Herbert (salito dalla posizione numero 44 alla numero 38 dopo la finale raggiunta a Montpellier) e Marton Fucsovics, numero 38 del mondo (+ 9 posizioni rispetto ad una settimana fa) grazie alla finale giocata a Sofia.

(Nella foto Matteo Berrettini – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “RANKING ATP, "CAREER HIGH" PER MATTEO BERRETTINI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Gennaio 2019

  • Nole è sempre Nole. Djokovic chiude l'anno da n.1 per la quarta volta rimontando addirittura dalla posizione n.22 che occupava a metà del 2017, l'ennesima prova di carattere, volontà e talento del serbo.
  • Zverev apre una breccia. A chiudere in bellezza il 2018 è stato il giovane tedesco col trionfo al Masters, e ora la domanda nasce spontanea: il 2019 sarà l'anno dell'atteso ricambio generazionale in campo Atp?
  • Anno nuovo Davis nuova. Ormai ci siamo, è tempo di rivoluzione in ambito Davis. Si riparte con la nuova formula, ma le polemiche non si placano.