RANKING ATP, LAJOVIC IN TOP 30, ‘CAREER HIGH PER CARUSO E TRAVAGLIA

Il serbo è il nuovo numero 26 del mondo mentre i due azzurri raccolgono i frutti degli ottimi risultati ottenuti al torneo di Umago

TENNIS – Archiviati i tornei di Umago, Bastad e Newport, sono diversi i cambiamenti registrati all’interno del Ranking ATP, a cominciare dalla Top Ten dove Fabio Fognini perde una posizione scivolando alla numero 10, sopravanzato dal russo Daniil Medvedev.

Il ligure, uscito subito di scena a Umago a causa di un problema ad un polpaccio, ora ha solamente 35 punti di vantaggio nei confronti di Kevin Anderson, mentre poco più indietro grazie al successo di Newport John Isner ha superato Borna Coric salendo alla “casella” numero 15 della classifica mondiale. Un bel balzo in avanti poi lo ha compiuto naturalmente Dusan Lajovic, che con il suo primo titolo della carriera conquistato ad Umago è risalito di dieci posizioni fino alla numero 26, avvicinandosi al suo best ranking (23), e a guadagnare molto terreno è stato anche il cileno Nicolas Jarry, protagonista con il primo successo della carriera ottenuto sulla terra rossa di Bastad di un salto di ben 26 “caselle” che lo ha portato fino alla numero 38 (suo best ranking).

ITALIANI

Passando invece alla situazione degli italiani, dietro a Fabio Fognini è stabile alla posizione numero 20 Matteo Berrettini, che purtroppo però questa settimana non potrà difendere il titolo vinto l’anno scorso a Gstaad a causa del problema alla caviglia che lo tormenta da diversi giorni. Lorenzo Sonego invece, pur perdendo una posizione nel tanking (ora è numero 52 del mondo) diventa il numero tre azzurro, dato che Marco Cecchinato, eliminato al primo turno ad Umago ed in “perdita” quindi dei punti messi in cascina con la vittoria del torneo croato, è crollato dalla 40esima alla 63esima posizione.

A completare il gruppo dei tennisti italiani all’interno della Top 100 poi ci sono Andreas Seppi (numero 76 del ranking mondiale, -una posizione rispetto ad una settimana fa), Thomas Fabbiano (numero 90, +2) e Stefano Travaglia, che grazie agli ottimi risultati di Umago è salito dalla “casella” numero 105 alla numero 98, facendo registrare così il suo “career high”. Una menzione particolare poi la meritano anche Salvatore Caruso e Jannik Sinner. il primo grazie alla semifinale raggiunta ad Umago (fermato solamente da un problema muscolare contro l’eventuale vincitore Dusan Lajovic) ha compiuto un balzo in avanti di 21 posizioni che lo proiettano alla numero 105 regalando anche a lui il suo best ranking, mentre il secondo entra per la prima volta in Top 200 (ora è numero 199) e spera addirittura in una wild-card per il torneo di Cincinnati.

TORNEI

Vedremo quindi se al termine della prossima settimana la situazione subirà delle variazioni sostanziali, considerando che si gioca l’ATP 500 di Umago e i due 250 di Gastaad e Atlanta. Purtroppo, oltre al già citato Berrettini, anche lo stesso Caruso non potrà scendere in campo a causa dell’infortunio rimediato in Croazia (il siciliano avrebbe dovuto giocare ad Amburgo) ma ugualmente fiducia in tutti gli altri giocatori italiani impegnati nei rispettivi tabelloni.

(Nella foto Dusan Lajovic)


Nessun Commento per “RANKING ATP, LAJOVIC IN TOP 30, 'CAREER HIGH PER CARUSO E TRAVAGLIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.