RANKING WTA, SALE LA PLISKOVA

La ceca conferma i progressi nonostante la finale persa con la Kerber, scavalcata la Bouchard. Scendono Keys e Pennetta, torna a respirare Sara Errani insieme a Sabine Lisicki
lunedì, 22 Giugno 2015

TENNIS – Cominciano ad arrivare i primi verdetti dalla stagione sull’erba e il ranking cambia puntualmente volto nel penultimo lunedì di giugno. A dare maggior impatto alla classifica mondiale, per quanto riguarda il circuito femminile, è il torneo di Birmingham, vinto dalla tedesca Angelique Kerber nella finale di ieri pomeriggio.

A beneficiare più di tutte del torneo in questione, però, è la finalista Karolina Pliskova, sconfitta al fotofinish da quella che invece si conferma decima forza della graduatoria. La ceca è adesso alle sue spalle, al numero undici, scavalcando una giocatrice chiamata al momento della verità: Eugenie Bouchard, dopo l’uscita dalla top ten, dovrà difendere la finale a Wimbledon dello scorso anno per evitare di precipitare nel corso delle prossime settimane. Impresa ardua per la canadese, visto l’andamento più recente e le eliminazione sempre meno inattese.

Nelle retrovie della top twenty, invece, torna a salire Sabine Lisicki, che a Birmingham è stata eliminata proprio dalla connazionale Kerber. La tedesca è in diciottesima posizione, davanti alla nostra Sara Errani e alla spagnola Garbine Muguruza: le tre giocatrici sfruttano il passo indietro di Madison Keys, adesso ventunesima, e allo stesso modo si registrano i gradini scalati da Stosur e Azarenka, che prendono il posto di Flavia Pennetta e Alize Cornet poco fuori dalle prime venti posizioni della classifica.

Le altre italiane segnalano pochi scossoni, anzi soltanto uno: Roberta Vinci è al trentacinquesimo posto, complice il -13 che colpisce l’americana Coco Vandeweghe. Stabili le altre due: Karin Knapp si conferma alla numero quaranta, Francesca Schiavone si mantiene alla settantotto in attesa di tempi migliori.

L’erba di Eastbourne, durante questa settimana, segnerà il varco d’ingresso all’All England Club. Ultimi sette giorni per modificare il proprio status nel ranking mondiale, prima di cominciare l’avventura nel terzo Slam stagionale. Le big stanno alla finestra, le outsider provano ad utilizzare l’ultima chiamata per modificare le sorti del proprio tabellone.


Nessun Commento per “RANKING WTA, SALE LA PLISKOVA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • US OPEN: MASHA SULLA STRADA DI SERENA PER LA STORIA La russa estratta nella metà della Williams, che potrebbe ritrovare la Bencic ai quarti. Simona Halep, nella parte bassa, può trovare in semifinale Caroline Wozniacki, finalista del 2014, […]
  • WTA, DOVE PORTA IL RANKING DI FINE ANNO? Tutti a caccia della Halep, dalle big alle rising stars. La WTA si conferma un mondo precario, il 2019 si prepara ad altre mille sfaccettature.
  • AUSTRALIAN OPEN, IL PAGELLONE FEMMINILE Va in archivio il primo slam dell’anno. Trionfa Serena, ma Masha lotta. Ritorna in scena Venus Williams, mentre fa la sua fragorosa comparsa la Keys. Deludono in tante, le italiane non […]
  • AO: SERENA CON CARO E PETRA, MASHA CON HALEP E IVANOVIC Sorteggiato il tabellone femminile. La numero uno del mondo trova la ceca nell'eventuale semifinale, per la Sharapova possibile incrocio con la Halep. È subito derby Pennetta-Giorgi. Buono […]
  • INDIAN WELLS: OK LE BIG, VINCI FUORI Maria Sharapova guida il gruppone delle qualificate al turno successivo, in cui rientrano anche Bouchard e Azarenka. Due gioie azzurre con Errani e Pennetta, ma Roberta Vinci si arrende […]
  • RANKING WTA, ERRANI A PICCOLI PASSI Sarita scavalca anche la Petkovic e si porta ad un solo gradino dal ritorno in top fifteen. Salgono anche Pliskova e Bacsinszky, giù Makarova e Kerber. Solo gioie per le altre italiane

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.