RAONIC E LJUBICIC, LE RAGIONI DI UN ADDIO

Il talento canadese ha comunicato via Instagram la decisione di Ljubicic di risolvere il rapporto professionale. Riccardo Piatti, invece, resterà nel team.
sabato, 28 Novembre 2015

TENNIS – Dopo un anno in cui guai fisici, prestazioni deludenti e l’estromissione tra i top 10 del ranking Atp l’hanno fatta da padrona, il canadese Milos Raonic, solo pochi giorni fa, ha comunicato a mezzo Instagram la decisione di interrompere il rapporto professionale con Ivan Ljubicic.

L’ex stella del tennis croato, che raggiunse come career high anche il numero 3 del mondo, era nel team del canadese dal giugno del 2013 dopo che, lo stesso Milos, si separò dallo spagnolo Galo Blanco, quest’ultimo capace di trascinare il talento del gigante di Podgorica tra i primi 15 migliori tennisti del mondo.

Raonic successivamente scelse, a completamento dello staff tecnico, Riccardo Piatti, uno degli attuali migliori coach italiani (e non solo) in circolazione. Proprio l’ex mentore di Richard Gasquet, che aveva avuto tra i suoi allievi proprio Ljubo nell’ultima parte della sua carriera, restituì al canadese alcuni preziosi consigli per migliorare in alcuni dei fondamentali, che allora difettavano ancora in lucidità. I due allenatori, Ljubo e Piatti, hanno lavorato alacremente fino allo scorso giovedì quando, dopo un resoconto generale in vista del 2016 si è scelto per la separazione, assolutamente consensuale, tra Milos e Ivan.

L’annuncio su Instagram – una tendenza che non fa più scandalo – è stato criptico ma che fa ben capire chi ha ‘scaricato’ chi.

“È stata presa la decisione di non continuare più il nostro rapporto professionale il prossimo anno, rimarremo amici anzi, voglio augurargli il meglio per le sue attività future”, ha scritto Raonic.

Evidente che, dal comunicato sia ben chiara la volontà di Ljubicic di provare altre esperienze a dispetto di un Raonic che, non è un mistero, avrebbe voluto ancora con se l’ex fenomeno croato. Il resto del team, però, non subirà alcuno scossone, ci sono anzi tutti i presupposti per provare a fare decisamente meglio rispetto a questi sfortunatissimi dodici mesi pieni zeppi di ostacoli.

Non solo Ljubo, però, lascia Raonic. E’ notizia di ieri che anche Austin Nunn, da quattro anni uomo al fianco del canadese per quanto concerne gli aspetti media, ha deciso di tagliare il rapporto professionale non specificando alcun motivo specifico. Chi resterà certamente accanto al nordamericano è Piatti che non ha nessuna intenzione di provare la grande risalita nel 2016 assieme al suo allievo.

La scelta di Ljubicic, ad ogni modo, è arrivata a sorpresa dal momento che, tutti i team a questo punto della stagione, stanno già programmando ed in maniera seria l’anno che verrà.


Nessun Commento per “RAONIC E LJUBICIC, LE RAGIONI DI UN ADDIO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.