E’ ESPLOSO MILOS

Il canadese Milos Raonic sembra finalmente essere esploso, dopo un paio di annate di alti e bassi. Un giocatore dal grande futuro?

L’Australian Open 2011 è stato per ora il torneo dei giovani. Tanti i ragazzi under 21 che si stanno mettendo in luce (nessuno italiano, ahimé), sono balzati agli onori della cronaca l’ucraino Alexandr Dolgopolov, vincitore di un grandissimo match al quinto set con Tsonga, Bernard Tomic, autore di una bella prova con Nadal, il lituano Richard Berankis e soprattutto Milos Raonic, canadese classe 1990, che ha letteralmente fatto impazzire Misha Youzhny. E’ proprio sul pupillo di Claudio Pistolesi (ne ha sempre parlato benissimo in tutte le interviste che abbiamo realizzato con lui) che ci concentriamo quest’oggi, cercando di analizzarne i pregi, difetti e potenzialità future.

Partiamo dal servizio, in assoluto il colpo migliore di Milos, che è alto 195 centimetri! Oltre ad essere potentissimo, è anche piuttosto difficile da leggere. Non a caso in questo momento è in testa alla classifica degli Ace: ben 79 realizzati in tre partite. Analizzando nel dettaglio, Raonic in ogni turno di servizio mette a segno 1,5 ace, senza contare gli innumerevoli servizi vincenti (sempre tra i 210 e i 230 km/h). Quando si serve così bene, il tie-break è una probabile eventualità. Ebbene Milos ne ha giocati 5, vincendoli tutti!

Non pensiate che Milos Raonic sia un giocatore solamente di servizio, perché i due fondamentali sono decisamente molto buoni. Sul diritto, potentissimo, il dettaglio che colpisce è il timing sulla palla. Quando ha tempo di piazzare bene i piedi, riesce sempre a colpire la pallina mentre sta salendo, in da riuscire a dare ancor più potenza e togliendo tempo al suo avversario. Il rovescio bimane è anche un buon colpo e spesso e volentieri giocato con l’idea del “vincente” già in risposta. E’ evidente che gli spostamenti non possano essere fulminei, ma per la sua stazza Raonic non si muove affatto male.

Grazie al risultato degli Aus Open (è ancora in gara e non parte di certo battuto contro David Ferrer), dovrebbe avvicinarsi molto, se non addirittura entrare direttamente, tra i primi 100 giocatori Atp. Milos Raonic, classe 1990 (ma nato a fine dicembre, dunque ha appena compiuto 20 anni) sta arrivando e non sembra avere alcuna intenzione di recitare un ruolo di comparsa nel circuito Atp. Un posto tra i primi 40-50, a fine anno, difficilmente gli sfuggirà.

Clicca qui  per saperne di più sugli


Nessun Commento per “E' ESPLOSO MILOS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • RAONIC DOPO WASHINGTON PENSA IN GRANDE, US OPEN NEL MIRINO E' indiscutibilmente l'uomo del momento. Reduce da dieci tornei in cui è arrivato almeno ai quarti, vittorioso a Washington nella giornata di ieri. Milos Raonic non pone limiti alla […]
  • MILOS E UNA NOTTE La scorsa estate un match serale in terra canadese mise in mostra le qualità del giovane Milos Raonic, destinato a difendere la bandiera della foglia d’acero nelle maggiori competizioni
  • MILOS RAONIC ED UN 2015 ORRIBILE Il calvario di Milos Raonic. Dopo la sconfitta contro Kyrgios a Wimbledon il definitivo stop causa persistente problema al piede destro. "E' un infortunio frustrante". Il gigante di […]
  • APRE SEPPI, POI FOGNINI CONTRO RAONIC A CACCIA DI SORPRESE TENNIS – Quarti di finale di Coppa Davis, l’Italia sogna la semifinale. Contro il Canada aprirà Seppi, opposto a Pospisil. Poi Raonic-Fognini. Non c’è Bolelli: incertezza sul secondo […]
  • SERBIA E STATI UNITI SUL 2-0, MALE LA SPAGNA David Goffin, in vantaggio di due set, perde il primo match in Coppa Davis facendosi recuperare da Viktor Troicki. Bene Novak Djokovic che ha gioco facile su Olivier Ruchus. Sul 2-0 anche […]
  • COPPA DAVIS, È TEMPO DI SEMIFINALI TENNIS - Domani iniziano le semifinali di Coppa Davis. La Serbia di Djokovic sfida il Canada di Raonic, mentre una favoritissima Repubblica Ceca affronta l'Argentina (priva di Del Potro)

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.