RG14: NADAL PER LA NONA VOLTA IN FINALE, DEMOLITO MURRAY

Rafa Nadal si impone contro Andy Murray in 3 set, per lui nona finale in carriera al Roland Garros. Domenica il numero uno del mondo incontrerà Novak Djokovc.
venerdì, 6 Giugno 2014

Tennis. Roland Garros, Parigi, Francia, da dieci anni c’è una legge non scritta nel tennis, quasi fosse una tradizione, una sorta di imperativo dettato dall’ineluttabilità del destino: per sollevare il trofeo dell’Open di Francia bisogna vedersela con Rafa Nadal.  Oggi è toccato ad Andy Murray. Lo testimoniano il passato, i numeri, la forza di volontà di Nadal di dominare e regnare in terra francese: la vicina Ile de France è ormai da una decade territorio di conquista e campo di battaglia sul quale puntualmente ogni anno miete vittime lo spagnolo. Da Maiorca a Parigi passando per Barcellona, Madrid e Montecarlo, il cammino sulla terra rossa è lungo e insidioso, ma non così tanto, non per Rafa, per chi vede nel clay un habitat naturale che si sposa perfettamente con la propria tipologia di tennis.

Inizia il match, sette i precedenti sulla terra fra i due, Nadal ha vinto sempre cedendo solo  2 set all’avversario, un cattivo presagio per il campione britannico, l’incubo si tramuta in realtà fin da subito, gli spettri dello scozzese si concretizzano a partire dal primo turno di servizio: il numero uno del seeding prende subito le redini del gioco ed effettua il break sul 2-0, il maiorchino è padrone dello scambio, inchioda Murray a 2 metri dalla linea di fondo ed Andy è costretto ad inseguire sin dai primi giochi. La partita è a senso unico, in 35 minuti Rafa chiude il primo set per 6-3, attualmente il divario fisico e tecnico fra i due e notevole, lo spagnolo sa cosa fare e tesse una vera e propria ragnatela attorno a Murray, per lui neanche l’ombra di una palla break.  Le statistiche sono chiare, la differenza risiede nella difesa di Nadal: 38% di punti vinti in risposta alla prima di servizio (Murray 12%) e 33% di punti vinti con la seconda (Murray fermo al 25%).

Le condizioni del campo favoriscono il campione uscente, il terreno asciutto favorisce gli spostamenti di Rafa che sfrutta al meglio anche l’effetto impresso alla palla con lo spin di dritto. Nel secondo set Nadal cresce, Murray si chiude sovrastato dalla fisicità e dalla solidità dell’avversario: 6-2 in 32 minuti, l’incontro scorre veloce e la partita sfugge al britannico, Rafa è perfetto tatticamente, il dritto mancino gli concede punti preziosi, Andy corre ma rimanda solo di qualche colpo i punti del numero uno al mondo. Arrivano 2 break per il maiorchino, sul 2-1 e sul 5-2.

Dopo aver messo una seria ipoteca sul match, Nadal ha continuato a non concedere niente alla testa di serie numero 7, dopo l’1-1 del terzo set l’otto volte campione del RG strappa il servizio a Murray per ben 3 volte chiudendo il set per 6-1. Dura dunque 1 ora e 41 minuti la resistenza dello scozzese che termina l’incontro con un dato sconcertante: in 2 set Andy non riesce nemmeno ad arrivare ai vantaggi durante i turni di battuta di Rafa e non è riuscito a conquistare neanche una palla break in tutto l’incontro.

Nadal approda dunque in finale nel Roland Garros per la nona volta in carriera (record nei major dall’inizio dell’era Open). Domenica il numero 1 del mondo sfiderà sul centrale quello che attualmente è il suo più grande rivale, il numero 2 del mondo Novak Djokovic per una sfida che dalle premesse promette battaglia e spettacolo.


Nessun Commento per “RG14: NADAL PER LA NONA VOLTA IN FINALE, DEMOLITO MURRAY”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.