RG16: GARCIA E MLADENOVIC REGALANO IL DOPPIO ALLA FRANCIA

Le transalpine hanno battuto la coppia russa formata da Vesnina e Makarova in tre set. Nei singolari Juniores trionfano Geoffrey Blancaneaux e Rebeka Masarova
domenica, 5 Giugno 2016

TENNIS – Dopo quarantacinque anni il titolo del doppio femminile del Roland Garros parla di nuovo francese. E’ stata una vera e propria impresa quindi quella realizzata da Carolina Garcia e Kristina Mladenovic, che battendo in finale la coppia russa composta da Elena Vesnina e Ekaterina Makarova (6-3 2-6 6-4 il punteggio finale) hanno conquistato lo Slam parigino (il primo della loro carriera) guadagnando anche la posizione numero 2 del ranking mondiale.

Nel primo set il dominio francese è stato quasi totale, visto che la coppia transalpina si è portata velocemente sul 5-0 lasciando solo le briciole alle avversarie, che poi sono riuscite semplicemente a limitare il passivo risalendo fino al 5-3, prima di cedere il parziale sul 6-3 dopo un nono game abbastanza combattuto.

Nel secondo set però le russe hanno reagito, si sono portate sul 3-1 grazie ad una maggiore aggressività nei game di risposta e, dopo aver allungato sul 5-2, hanno archiviato la pratica sul 6-2 rientrando pienamente partita. Nel terzo e decisivo parziale poi le emozioni non sono mancate, visto che Garcia e Mladenovic sono andate subito avanti di un break sul 2-0, ma Vesnina e Makarova hanno trovato ancora una volta la forza di risalire la china, recuperando fino al 2-2.

La coppia russa quindi, nel settimo game, è stata capace di salvare ben quattro palle break (di cui le prime due consecutive sul 15-40) riuscendo a salire sul 4-3, ma nel nono game non sono riuscite a fare altrettanto, visto che la francesi, dallo 0-40, alla seconda opportunità hanno conquistato il break del momentaneo 5-4 con uno smash della Garcia che ha scatenato l’entusiasmo del pubblico del “Philippe Chatrier”. Quindi, dopo il cambio di campo, le transalpine hanno chiuso i conti sul definitivo 6-4, e le lacrime che sono scese sui loro volti subito dopo aver portato a casa l’ultimo punto hanno spiegato alla perfezione la loro grande felicità per l’impresa compiuta.

FINALE JUNIORES MASCHILE

Spostandoci poi alla finale del tabellone Juniores maschile, a trionfare è stato il “padrone di casa” Geoffrey Blancaneaux, uscito vittorioso dopo una battaglia di tre set  contro il giovane talento canadese Felix Auger Aliassime. Il quasi 18enne francese infatti si è imposto 8-6 al terzo (dopo aver salvato anche tre match point), al termine di un match che, specialmente nell’ultimo parziale, ha regalato emozioni e spettacolo.

Nel primo set il dominio del canadese è stato assoluto, tanto che il giovane classe 2000 si è imposto velocemente 6-1 concedendo appena due punti al suo avversario durante i propri turni di battuta. Ma nel secondo il francese ha reagito, e anche se Auger Aliassime è riuscito per due volte a recuperare un break di svantaggio (prima dallo 0-2 e poi dal 2-4), nell’ottavo game Blancaneaux ha strappato nuovamente la battuta al canadese, e subito dopo ha chiuso i conti sul 6-3.

Nel terzo e decisivo set quindi i due giocatori si sono scambiati break e contro-break nel quinto e sesto game, poi hanno conservato senza troppi problemi i rispettivi turni di battuta fino al 5-5, ma nel dodicesimo gioco il canadese ha avuto tre match point (di cui due consecutivi sul 15-40), senza però riuscire a trasformarli, e Blancaneaux è riuscito così a salvarsi e a portare a casa il 6-6 al termine di una frazione molto combattuta.

Poi, scampato il pericolo, è stato il francese a procurarsi una preziosa palla break nel game successivo, e riuscendo a sfruttarla in pieno è salito sul 7-6 in suo favore e servizio, chiudendo poi i conti sul definitivo 8-6 con un turno di battuta praticamente perfetto, tra gli applausi degli spettatori presenti sul campo numero 1.

FINALE JUNIORES FEMMINILE

Passando infine all’atto conclusivo del tabellone Juniores femminile, la svizzera (di origini russe) Rebeka Masarova ha conquistato il titolo battendo in due set (7-5 7-5) la testa di serie numero 2 Amanda Anisimova.

Nel primo set l’elvetica è andata sotto di un break, ma da quel 2-3 le due giocatrici si sono strappate il servizio per altre volte consecutive fino al 4-4, e solo nel dodicesimo game la Masarova è riuscita a piazzare l’acuto decisivo sfruttando la prima di altre due palle break (sul 15-40) per chiudere i conti sul 7-5. Nel secondo parziale poi la statunitense (classe 2001) ha reagito andando subito avanti di un break, ma la Masarova non ha mollato, ha recuperato immediatamente portandosi sull’1-1 e poi ha allungato prima sul 3-1 e successivamente sul 5-2. Quindi al momento di servire per il match (sul 5-3) si è fatta strappare la battuta, e la Anisimova è rientrata in partita sul 5-5, ma come accaduto nel primo set, nel dodicesimo game la Masarova (17 anni il prossimo 16 agosto) ha ottenuto il break decisivo (per il definitivo 7-5) che le ha consegnato il titolo del Roland Garros.

Nella foto Garcia e Mladenovic (www.zimbio.com)


Nessun Commento per “RG16: GARCIA E MLADENOVIC REGALANO IL DOPPIO ALLA FRANCIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.