RIO 2016, L’AUSTRALIA AVVERTE KYRGIOS E TOMIC

Nessuna eccezione per i giochi olimpici brasiliani. Se Kyrgios e Tomic continueranno a comportarsi così, la benevolenza dell'Australia potrebbe venir meno
venerdì, 18 Marzo 2016

TENNIS – Non si tratta di due ragazzi capaci di stare al loro posto, questo è ormai noto fin da quando sono entrati a far parte del circuito ATP. Dovranno imparare a starci, però, se vorranno conservare un ruolo di osservati privilegiati in vista delle Olimpiadi di Rio. Così, l’Australia manda le prime avvisaglie a Nick Kyrgios e Bernard Tomic, spesso e volentieri alla ribalta nelle cronache extra-tennistiche, recentemente anche tra di loro.

L’avviso ai naviganti è giunto direttamente da Kitty Chiller, responsabile della spedizione australiana per i giochi olimpici brasiliani, che ha deciso di cautelarsi dopo la polemica nata su Twitter durante il match di Davis contro gli Stati Uniti. I dubbi di Bernard sulla condizione fisica di Nick, con Indian Wells ormai dietro l’angolo, lasciavano intendere una scarsa unità d’intenti all’interno del team, accentuata dal botta e risposta sul social network.

Per evitare che ulteriori diatribe turbino la serenità dell’Australia olimpica, Chiller sceglie un avvertimento che lascia spazio a poche interpretazioni: “Non voglio che i nostri giocatori mettano in mostra atteggiamenti contrari alla cultura sportiva e soprattutto olimpica. È importante vincere, ma lo è ancor di più mandare in campo elementi che possano rendere fieri tutti gli australiani, e non mi riferisco certamente all’agonismo o alla competizione. Accoglieremo a braccia aperte anche un team che non riuscirà ad andare a medaglia, ma personalmente non posso tollerare comportamenti che nulla hanno a che fare con lo spirito della manifestazione e con il modo cordiale di esporsi, tipico dell’Australia“.

Il messaggio che Chiller vuole far passare, sostanzialmente, si uniforma a quello generale nel mondo del tennis. Kyrgios e Tomic sono indubbiamente tra i talenti più cristallini che il circuito maschile ha da offrire, ma uno stile di vita ed un approccio mediatico presi così alla leggera rischiano di condizionarne irrimediabilmente il futuro. Rio è una grande occasione e l’Australia non ha alcuna intenzione di lasciarsela scappare per via di atteggiamenti poco consoni agli standard dettati dal responsabile. La lente d’ingrandimento su Nick e Bernard è sempre più morbosa.


Nessun Commento per “RIO 2016, L'AUSTRALIA AVVERTE KYRGIOS E TOMIC”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.