ECATOMBE AZZURRA

Settimana incolore per le giocatrici italiane impegnate nel circuito Itf: il quarto di finale centrato da Linda Mair ad Agri costituisce il miglior risultato per i nostri colori. Ecco a voi il resoconto completo di tutti i tornei nella rubrica "Sorelle d'Italia"
mercoledì, 13 Giugno 2012

Roma – Non arrivano buone notizie per il tennis italiano in gonnella dal circuito Itf. Una sola azzurra è stata capace di superare due turni in un torneo; per il resto, sono arrivate tante eliminazioni al primo e al secondo turno. Una catastrofe, che conferma le recenti difficoltà del tennis in rosa – storico punto di forza dell’Italtennis – nello sfornare ricambi di qualità. Ecco il quadro di tutti i tornei.

CIRCUITO ITF

Nottingham ($75.000 – erba) Wimbledon scatta tra due settimane, ma la stagione sui prati è già cominciata. Il cambio di superficie giova al tennis di Urszula Radwanska, altrimenti nota come la sorellina della più nota Agnieszka (rispetto alla quale è di un anno più piccola). Reduce dal secondo turno al Roland Garros, dove era stata sconfitta da Petra Kvitova, la ventunenne giocatrice polacca nata ad Ahaus (in Germania) ha conquistato in Inghilterra il suo quarto Itf in carriera (il primo sull’erba) a due anni di distanza dall’ultimo successo (Ismaning 2010). La numero 63 del mondo ha piegato nell’ordine Misaki Doi, Garbine Muguruza, Elena Baltacha, Irina Falconi e Coco Vandeweghe, quest’ultima sconfitta nell’ultimo atto con il punteggio di 6-1 4-6 6-1. Si tratta di una bella iniezione di fiducia per Urszula, che nel circuito Wta ha collezionato quest’anno sette eliminazioni al primo turno. Fuori all’esordio Tamira Paszek e Alberta Brianti, sorprese rispettivamente da Alison Riske e Laura Robson.

Zlin ($25.000 – terra) Vittoria a sorpresa in Repubblica Ceca, dove il titolo finisce nelle mani di Maria Teresa Torro-Flor. La giovane tennista spagnola, classe 1992, ha compiuto una piccola impresa aggiudicandosi il torneo partendo addirittura dalle qualificazioni. La Torro-Flor, già vincitrice nel $25.000 di Civitavecchia quest’anno, si è laureata regina grazie al successo in finale sulla ventunenne bosniaca Jasmina Tinjic in tre set: 6-1 1-6 6-1. E’ durata poco l’avventura di Annalisa Bona, unica azzurra in tabellone: la ventinovenne genoana ha ceduto al secondo turno alla ventenne paraguayana Veronica Cepede Royg.

Amarante ($10.000 – cemento) Anche in Portogallo arriva un successo inaspettato, forse ancor di più rispetto a quello della Torro-Flor a Zlin. Ad Amarante si impone infatti Virginie Ayassamy, ventiseienne francese classificata oltre la 1000° posizione (ma era n.550 nel 2004) che centra così il suo primo Itf in carriera. Anche lei, come la tennista spagnola, ha superato le qualificazioni prima di andare a prendersi il titolo in finale nel derby iberico con la portoghese Joana Vale Costa, piegata 6-4 1-6 6-2. Proprio la Ayassamy ha fermato Martina Caciotti al primo turno, dove si è arenata anche Lara Rafful; si è invece ritirata negli ottavi Francesca Mazzali.

Agri ($10.000 – carpet) L’aria di casa esalta le doti di Basak Eraydin, diciassettenne speranza turca che conquista il terzo titolo in un mese nella sua nazione. Dopo essersi imposta sul cemento di Istanbul e Izmir, l’allieva di David Gaves ha sbancato anche Agri superando in finale la ventunenne austriaca Jeannine Prentner con un periodico 6-3. Da lunedì la Eraydin, che ha scalato circa 400 posizioni in un mese e mezzo, sfonderà il muro della top-600. Al suo cospetto si è arresa nei quarti Linda Mair, unica azzurra capace di superare due turni in un Itf questa settimana.

Sarajevo ($10.000 – terra) Primo gioia in carriera per la rumena Camelia-Elena Hristea, classe 1991. La numero 712 del mondo è stata brava e fortunata, avendo usufruito dei ritiri di Yvonne Neuwirth negli ottavi e di Tjasa Srimpf nei quarti; in finale, la Hristea ha poi sconfitto la peruviana Bernarda Pera con il punteggio di 6-3 3-6 6-4. Anche qui è notte fonda per l’Italia, dato che Giulia Bruzzone e Vivienne Vierin sono uscite all’esordio per mano di Barbara Bonic e Nina Zander.


Nessun Commento per “ECATOMBE AZZURRA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • CAPORETTO ITALIA Settimana incolore per le azzurre impegnate nel circuito Itf: si salva dal disastro la diciottenne Sara Sussarello, che supera le quali e si issa fino ai quarti a Fallanden. Questo e altro […]
  • SORPRESE A BRESCIA, AVANTI TRE AZZURRE Nel primo turno del 25 mila dollari lombardo subito fuori la numero uno del seeding Cepede Royg e le due teste di serie azzurre: Annalisa Bona e Giulia Remondina. Avanzano Dentoni, […]
  • IL BORSINO DELLE ITALIANE (II) Prosegue l'analisi stagionale delle tenniste azzurre. Dopo le giocatrici di punta è il turno delle altre top 300 e delle giovani più attese. Tra rialzi, ribassi e previsioni per il 2012.
  • PENNETTA OK, SCHIAVONE KO Nel WTA di Barcellona buon esordio di Flavia Pennetta, che batte Lara Arruabarena-Vecino 6-0 6-4. Primo tunro amaro invece per Francesca Schiavone, sconfitta 6-4 6-3 da Olga Govortsova. […]
  • AZZURRE IMPEGNATE NEI TORNEI ITF Il punto sugli impegni delle nostre giocatrici nel circuito "minore"
  • BRIANTI, LA VITA INIZIA A 31 ANNI Ormai oltre la soglia psicologica dei trent'anni Alberta Brianti vive la sua stagione migliore e porta a casa il primo titolo WTA ed il best ranking poco fuori dalle prime 50

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.