ROGER FEDERER PAPA’ MODERNO

Il consiglio del numero 2 del mondo: "Genitori, il sostegno agli aspiranti tennisti è importante, ma lasciate spazio ai vostri ragazzi" E rivela: "Nella mia carriera mi sono ispirato a Michael Jordan, Tiger Woods e Valentino Rossi"
lunedì, 29 Dicembre 2014

TENNIS – Si fa presto a dire “Lascerò spazio ai miei figli, non sarò un papà pressante” se di figli ne hai quattro e, tra qualche anno, ti daranno più filo da torcere di quanto non te ne abbiano dato, in campo, Nadal e Djokovic messi assieme. Due coppie di gemelli, figli di cotanto padre, Roger Federer, e di tifosissima madre: Mirka. Myla Rose e Charlene Riva nate il 23 luglio 2009; Leo e Lennart (Lenny) nati il 6 maggio 2014.

Spazio ai figli per quanto riguarda lo sport da praticare, dice King Roger. E comunque sia senza stare loro dietro come cani da guardia che pretendono risultati di un certo tipo. “Il sostegno e i consigli dei genitori sono molto importanti – dichiara il campionissimo svizzero al Telegraph – per farti capire che è un privilegio poter prendere lezioni di tennis ed essere in grado di giocare dei tornei. Così il ragazzo potrà offrire lo sforzo massimo ma con l’atteggiamento migliore”. Tuttavia, “i genitori devono dare spazio ai figli e ai loro allenatori per poter lavorare al meglio e anche viaggiare da soli. I grandi non possono fare i babysitter per tutta la durata della carriera. Ecco perché se oggi i miei genitori mi dicessero ‘Vogliamo venire a vedere tutti i tuoi tornei’ io sarei felice. Ma se mi dicessero ‘Non veniamo a vederti perché non ci divertiamo’ andrebbe bene ugualmente. Entrambi gli approcci consentono al giovane di lavorare bene”.

Ma i quattro piccoli di casa Federer seguiranno le orme del padre? Avranno, insomma, di questi problemi? “Non saprei. Dipenderà tutto da quale sport decideranno di praticare quando ci saremo sistemati in Svizzera. Ma io credo che per ogni ragazzo la cosa più importante sia gustare ciò che si sta facendo, di qualsiasi sport si tratti”.

Segue preziosissima rivelazione. Tennis o non tennis… “Ho capito sin da subito che c’è una bella differenza tra vincere qualcosa per la prima volta e tornare l’anno successivo per difendere quel titolo. Ho studiato il comportamento di campioni come Michael Jordan, Tiger Woods, Valentino Rossi e Michael Schumacher per capire come si fa a restare sempre allo stesso livello, ho preso loro come modelli motivazionali. Poi capisci di fare sempre più parte di quel mondo e di avvicinarti sempre di più a quei campioni. Questo è stato per me di grandissima ispirazione per lavorare duro”.

A 33 anni e con lo status di numero 2 del mondo da difendere, con i suoi 17 titoli del grande slam e una parata di record da far impallidire, Roger Federer per queste Feste si mette davanti al caminetto e dispensa saggezza. Giusto così.


Nessun Commento per “ROGER FEDERER PAPA' MODERNO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.