FEDERER: STO BENE E SONO CARICO

Mi dispiace per chi spera il contrario. A 30 anni perdere fa meno male. In Coppa Davis si scontrerà con Lleyton Hewitt che nel 2003, proprio in Australia, lo sconfisse in modo molto doloroso
venerdì, 16 Settembre 2011

Sydney – Roger Federer si è scrollato di dosso gli effetti della sua fuga da New York e la delusione di una sconfitta nella semifinale degli  US Open e dichiara di essere pronto per il playoff della Svizzera in Coppa Davis contro l’Australia.

Federer, terzo in classifica Atp, è arrivato in Australia mercoledì, e giocherà tre partite in Coppa Davis, a partire dal primo single match contro Lleyton Hewitt, seguito da una doppio in coppia con Stanislas Wawrinka.

Quindi Roger incontrerà Bernard Tomic Domenica, mentre a parti invertite Hewitt incontrerà  Wawrinka.

La squadra vincitrice avanzerà nel Gruppo Mondiale di Coppa Davis per il 2012, mentre la perdente dovrà partecipare alla qualificazione zonale del prossimo anno.

Nonostante un fitto calendario e solo due giorni per preparare la performance sui campi in erba del Royal Golf Club di Sydney, Federer  si è detto ottimista per il risultato dei prossimi incontri

Non sto male, mi dispiace deludervi-  ha detto ai giornalisti il 16 volte vincitore del Grande Slam australiano – Mi sento bene, veramente bene sul serio.”

Roger Federer ha vinto 17 delle sue 25 partite contro Hewitt, ma Lleyton ha ottenuto una vittoria nella loro ultima partita sull’erba l’anno scorso a Halle, in Germania.

Lleyton Hewitt, che ha saltato gli US Open per un infortunio al piede, si è detto in forma e in attesa di rinnovare la sua rivalità con Federer.

“Ho lavorato sodo per migliorare il mio gioco e riportare il mio corpo il più vicino al 100 –  ha dichiarato l’australiano – Sarà una partita difficile, speriamo bene” .

Hewitt ha vinto la sfida con Roger nel precedente incontro di  Coppa Davis giocato in Australia nel 2003 un match  estenuante in cinque set.

“Continuo a credere che sia stata una delle peggiori sconfitte che io abbia mai subito come giocatore – ha dichiarato Roger Federer, tornando a parlare della semifinale degli Us Open dove è stato battuto al termine del quinto set da Novak Djokovic.

“La gente potrebbe pensare che la sconfitta con Djokovic fosse durissima, ma per me è stata un nulla in confronto a quella subita da Lleyton Hewitt nel 2003, poiché sentivo che avrei dovuto vincere e sono stato veramente male- ha concluso Federer-  Allora avevo 22 anni, oggi ne ho 30, così prendo le sconfitte molto più facilmente”.


3 Commenti per “FEDERER: STO BENE E SONO CARICO”


  1. antonio ha detto:

    Re Roger, continua ad allenarti, è ancora lontano il tempo in cui dobbiamo rinunciare a vedere la leggerezza dei tuoi colpi. Devi crederci, quando tiri il singolo colpo non pensare, lascia andare il braccio e il miracolo si rinnova. puoi battere Nole, e puoi tornare numero 1.

  2. alessandro ha detto:

    Roger sei il re del tennis e schianterai l’australia!! 🙂

  3. Mariarosa ha detto:

    Roger sei sempre un Signore nelle risposte :-)alla faccia di chi vuole vederti ormai sul viale del tramonto. Sei Grande!


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.