ROIG: “NADAL GIOCA MEGLIO SULL’ERBA CHE SUL CEMENTO”

Secondo il suo coach, l’evoluzione ha permesso a Nadal di esprimersi meglio sull’erba che sulle superfici dure
mercoledì, 15 Luglio 2020

Tennis. In pochi immaginavo che Rafael Nadal sarebbe stato di vincere ben due titoli a Wimbledon. Il fenomeno spagnolo, che non si trovava a suo agio sull’erba, ha dimostrato una capacità di adattamento notevole nel corso degli anni.

La prima volta che ho visto giocare Nadal sull’erba era nel 2002 o 2003. A quell’epoca ero ancora coach di Feliciano (Lopez) e non avevo iniziato a lavorare con lui” – ha raccontato il suo coach Francis Roig ai microfoni dell’ATP.

Rafa era venuto a giocare il torneo junior. Dato che non aveva nessuno con cui allenarsi, ho iniziato a giocare con lui un giorno. Dalla prima volta che l’ho visto, ho capito che il suo gioco si sarebbe potuto adattare alla perfezione all’erba.

Naturalmente, ci sono voluti alcuni anni per acquisire l’esperienza e la confidenza per giocare bene anche su quella superficie a lui sconosciuta.

Ma Rafa ha una qualità che lo distingue da tutti gli altri e che lo rende unico: sa come superare le difficoltà come nessuno.

A poco a poco ha trovato il modo per esprimersi al massimo anche sull’erba. Ho sempre pensato che Nadal avesse qualcosa più degli altri: sa trovare le soluzioni ai problemi del suo gioco.

C’è un prima e un dopo per Rafa sull’erba. All’inizio giocava con grande intensità, intimidendo gli avversari. Si muoveva meglio di adesso perché era più giovane.

Dopo ha avuto un’incredibile evoluzione nel gioco, che mi fa dire con certezza che lui giochi meglio sull’erba che sul cemento. Penso che faccia un tennis migliore. A lui piace molto allenarsi sull’erba quando ha tempo” – ha aggiunto.


Nessun Commento per “ROIG: "NADAL GIOCA MEGLIO SULL'ERBA CHE SUL CEMENTO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.