ROMA, TRIS AL VELENO: BOLELLI, VINCI E BURNETT OUT

Fuori Bolelli, Vinci e Burnett. L'azzurro lotta ma trova un grande Thiem, malissimo la tarantina che cede alla Watson

Tennis. Brutta sconfitta ma solo nel risultato per Simone Bolelli che perde due volte al tie-break a cospetto di un Thiem splendido, sicuro astro nascente del tennis mondiale. Fuori anche la Burnett e Vinci

Il primo set procede spedito senza alcun break, entrambi conservano i turni di battuta con autorità, addirittura Bolelli viaggia nei primi 4 game con un pazzesco 100% di realizzazione sulla prima. Si arriva al tie-break con l’austriaco che subito guadagna il mini-break utile per aggiudicarsi il primo set 7-5. Secondo parziale che parte in salita per Simone’subito brekkato ma gravi le 6 palle del contro break non sfruttate. Ma proprio quando serve per il match Thiem si scioglie, si torna al tie-break. Ma è ancora Dominic a spuntarla con mini-break letale sul 5-5. Doppio 7-6 e Bolelli fuori.

Male, anzi malissimo la Vinci che perde 6-3, 6-1 con la Watson al termine di un match in cui non si è mai trovata a suo agio e dentro la partita. Continua dunque il tracollo della pugliese, anche nel ranking wta dove ormai da tempo ha abbandonato posizioni di vertice. Buona la prestazione della Burnett contro la Rybarikova, con la romana acquisita che perde 6-3, 7-6(5).

Queste le parole della Vinci in conferenza: “Sono triste, mi spiace per la gente, ho giocato un brutto match. Venivo da buone prestazioni nonostante i non ottimi risultati”. Sara torna anche sulla Fed Cup: “Mi spiace tantissimo non esserci stata a Brindisi, vicino alla mia Taranto ma il gomito mi faceva troppo male. L’importante è che l’Italia abbia vinto”.


Nessun Commento per “ROMA, TRIS AL VELENO: BOLELLI, VINCI E BURNETT OUT”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.