SAFIN PROVA A SPIEGARE IL COMPORTAMENTO DI KYRGIOS

L’ex campione russo ha espresso il suo giudizio sul comportamento dell’australiano, spesso oggetto di un feroce dibattito

Tennis. Il carattere e la personalità di Nick Kyrgios sono stati oggetto di dibattito incessante nelle ultime stagioni. L’ultimo in ordine temporale ad esprimere il suo giudizio è stato Marat Safin, due volte campione Slam e talento cristallino troppo spesso dimenticato.

È difficile sentire che tutti giudicano il tuo comportamento. Ho già sentito milioni di persone sostenere che se diventasse un pochino più serio sarebbe uno dei migliori al mondo e penso che ciò lo stia influenzando – ha dichiarato il russo ai microfoni di The Age

Io credo che Nick abbia paura di dare tutto sul campo e accorgersi che non è abbastanza. Ha paura del fallimento. Io personalmente ho avuto molti problemi a controllare il mio temperamento e ad isolarmi da tutto ciò che veniva detto su di me.

So di cosa sto parlando. Deve diventare un guerriero e non un artista come è ora. Quando deciderà di affrontare i momenti difficili e di provare a superarli, metterà su una grande carriera. Se sei intelligente, nel corso degli anni impari dai tuoi errori e ne commetti di meno.

Non ha più 18 anni, il tempo passa rapidamente e ora deve svegliarsi. Altrimenti, quando avrà 35 anni, si pentirà amaramente di ciò che sta facendo” – ha concluso.


Nessun Commento per “SAFIN PROVA A SPIEGARE IL COMPORTAMENTO DI KYRGIOS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.