QUERREY CHIEDE AIUTO A GILBERT

Sam Querrey, in crisi dopo una serie di infortuni, ingaggia Brad Gilbert come coach a tempo
domenica, 19 Febbraio 2012

Un anno fa Sam Querrey si trovava al numero 17 del mondo. Una buonissima posizione per un ventitreenne dal gioco non particolarmente sofisticato, ma efficace, che appariva pronto, insieme al compagno di doppio John Isner, ad assicurare un presente almeno accettabile al tennis americano.

Ma per eccellere nel tennis esiste una condizione necessaria, ed è la buona condizione fisica. Purtroppo per Querrey il 2011 è stato un calvario di infortuni, dal gomito ad un infezione, che lo hanno precipitato fino al numero  125 del mondo. Una crisi da cui il ragazzone di San Francisco fatica ancora ad uscire, con l’ultima classifica che lo fotografa in una non entusiasmante posizione numero 85.

Per tornare a rinverdire un palmarès che conta già sei titoli e cinque finali, Querrey ha deciso di affidarsi a Brad Gilbert, vecchia conoscenza del circuito, rompendo il sodalizio con David Nainkin. Per il momento Sam non si affida completamente all’ex-numero quattro del mondo, assunto in prova con un contratto che verrà rinnovato di settimana in settimana. Lo stesso Gilbert ha confermato di non avere idea di quanto durerà il rapporto con il connazionale, ma comunque lo vedremo a fianco di Querrey già da Memphis, in cui Sam esordirà contro Alejandro Falla.

La carriera da coach di Brad Gilbert  nasce diciotto anni or sono con un sodalizio durato otto anni che lo ha unito ad Andre Agassi, e che ha portato al ragazzo di Las Vegas sei degli otto titoli dello Slam che arricchiscono il suo armadio dei ricordi.  Lo stesso Agassi si è dimostrato così soddisfatto di Brad da definirlo il più grande allenatore di tutti i tempi.

Dopo Andre, Gilbert ha allenato Andy Roddick, portandolo al successo nello US Open e alla prima posizione mondiale. Dopo un inizio così clamoroso, la carriera di allenatore di Gilbert ha avuto meno acuti, ma si è comunque legata ai nomi di Andy Murray (nel 2006-2007) e Kei Nishikori (nel 2011), nonché Alex Bogdanovic, l’unico vero insuccesso del nostro protagonista.

Scopriremo presto se Brad riuscirà a portare Querrey a tornare a “win ugly” (vincere in modo orribile, sgradevole), un riferimento non tanto al gioco del nostro eroe, ma al famoso libro scritto da Gilbert per descrivere la sua carriera di giocatore e per descrivere le sue strategie per sconfiggere avversari più dotati sul piano tecnico. I precedenti di Gilbert come allenatore di tennisti americani sono fin troppo incoraggianti e di certo basterebbe una piccola frazione dei risultati ottenuti con Agassi e Roddick per rendere vincente la scelta di Querrey. Un sogno? Lo scopriremo presto.

Per ricordarci Brad Gilbert giocatore, vi proponiamo un filmato che vede lo statunitense superare Boris Becker negli ottavi di finale dello US Open 1987


Nessun Commento per “QUERREY CHIEDE AIUTO A GILBERT”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • QUANDO IL TENNIS PERDE L’APLOMB Si scalda l'atmosfera a Melbourne sia dentro che fuori dal campo. Dalle dichiarazioni inopportune di Brad Gilbert contro Paolo Lorenzi, ai tweet sibillini di Andy Murray con riferimento […]
  • INSULTI DA “TOP TEN” Non sempre il tennis è rispetto, eleganza e stile. Ogni tanto qualche protagonista si lascia andare, ed allora ecco la classifica dei migliori insulti di tutti i tempi, stillata dal […]
  • BUON COMPLEANNO A BRAD “UGLY” GILBERT Compie 56 anni uno dei coach più influenti degli anni ’90 e duemila. Brad Gilbert ha fatto dell’allenamento mentale e dell’analisi dell’avversario le sue bandiere ed è riuscito a riportare […]
  • QUERREY VEDE LA LUCE Un infortunio al gomito e un’infezione al cordone ombelicale lo hanno costretto ad uno stop forzato di tre mesi. Precipitato al numero 116 Atp, il tennista americano è tornato in campo la […]
  • LA FFT PREOCCUPATA. RITARDI PER I LAVORI AL ROLAND GARROS La FFT preoccupata circa i ritardi dei lavori per consentire all'intera aerea del Roland Garros il tanto desiderato restyling. Il Philippe Chatrier avrà un giorno la sua copertura retrattile?
  • TANTI AUGURI BRAD GILBERT, UNA VITA ACCANTO AD AGASSI Festeggiamo oggi Brad Gilbert ricordando la sua carriera da giocatore professionista e quella da allenatore, scrittore e commentatore alla ricerca di qualche curiosità nella sua vita.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.