SARA ERRANI: ORA PENSO A CETKOVSKA E… SERVIZIO

"Oggi è stato tutto merito del mio allenatore, che ha letto bene la partita. Io ho eseguito". E ora un ottavo difficile: "Petra è la mia bestia nera. Dovrò farla muovere parecchio". E in libreria esce "Excalibur".
mercoledì, 14 Maggio 2014

TENNIS – Al Foro Italico esistono anche conferenze stampa tranquille. E in una di queste, oggi, è stato presentato “Sara Errani – Excalibur”: libro edito da Mondadori che ha come protagonista per l’appunto la numero uno d’Italia, che è stato scritto da Roberto Commentucci e che sarà promosso da Davide Errani, fratello e manager della 27enne emiliana. Un paio d’ore più tardi, dalla carta al campo in terra rossa: l’Excalibur di Sara che si abbatte come un machete sulla malcapitata Ekaterina Makarova. Al “gioco, partita, incontro” è 6/2 6/3 per la Chiqui che vendica l’altra Chiqui, Roberta Vinci, sconfitta ieri proprio dalla russa.

Brava, Sara! “Oggi è stato bravo il mio allenatore – placca i complimenti la ragazza – Ha letto bene la partita in corsa; io sono stata brava ad ‘e-se-cu-ta-re’ come diceva lui”. Forse sarebbe stato preferibile il verbo “eseguire”, ma va bene lo stesso, dai.

“Ho sempre cercato di metterle pressione sul suo dritto. E nel corso della partita ho anche dovuto fare i conti con il vento, leggerlo al meglio”. E, guardando indietro dall’inizio della stagione: “Sono state tutte partite combattute e sentite. Posso giocare meglio o peggio, ma comunque ho sempre combattuto”.

OCCHIO ALLA CETKOVSKA – Le brutte notizie ora portano i colori della Repubblica Ceca e rispondono al nome di Petra Cetkovska, passata dalle qualificazioni agli ottavi di finale attraverso le vittorie su Pironkova e Kerber. “E’ la mia bestia nera. Ho diversi brutti ricordi legati a lei. Contro di lei ho perso anche partite dopo aver avuto match ball dalla mia. Quando parlo di lei dico che perde sempre il primo set ma poi vince la partita. Non sarà tra le teste di serie ma ne ha battute diverse. Dovrò cercare di farla muovere. A cosa penso guardando il tabellone? Non ho nessun obiettivo in particolare. Penso alla Cetkovska, appunto: la priorità è sempre il match successivo”.

Cetkovska nel mirino, potendo contare su un servizio migliorato. “Ora lo sento più stabile. Abbiamo apportato piccole modifiche come partire subito con il braccio su. Mi fa sentire meglio. Tutti mi dicono che devo migliorare il servizio, ma sembra facile… Io nel mio piccolo mi impegno molto”.

EXCALIBUR – Meglio distrarsi un po’, magari leggendo un bel libro… “E’ nato un po’ così. Mio padre ha avuto l’idea del titolo per via del mio cambio di racchetta. Un libro particolare perché non riporta tutta la mia storia, semmai gli ultimi due anni. Ci sono tante esperienze che potrei raccontare. Spero che piaccia”.


Nessun Commento per “SARA ERRANI: ORA PENSO A CETKOVSKA E... SERVIZIO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.