AZARENKA DOMINA SCHIAVONE. KIRILENKO SCAVALCA LA MATTEK-SANDS

TENNIS - Francesca Schiavone si ferma qui. Troppo ampio è il divario contro la n. 3 al mondo Victoria Azarenka, che la batte per 6-3 6-0 in poco più di un'ora. La milanese ha resistito per la prima parte del primo set, poi è stata piegata dalla grinta della bielorussa, che ai quarti incontrerà Maria Kirilenko, esecutrice dell'americana Bethanie Mattek-Sands per 7-5 6-3.
lunedì, 3 Giugno 2013

Tennis. Roland Garros (Parigi) – Non ce l’ha fatta Francesca. Il match di ottavi di finale dell’Open di Francia disputato oggi contro la n. 3 al mondo Victoria Azarenka, che molti di noi – forse in modo troppo campanilistico – sognavamo equilibrato, si è risolto per 6-3 6-0 per la bielorussa in poco più di un’ora di gioco.
Brava la Schiavone a reggere bene la prima mezz’ora di partita, strappando due turni di servizio all’Azarenka; il guaio è che la bielorussa ne ha strappati altrettanti a Francesca, per poi aggiudicarsi i 9 games successivi, mostrando un tennis impeccabile contro la milanese, sempre più fallosa e più sfinita.

Sin dai primi punti si avverte la determinazione della bielorussa, decisa a non incappare più in momenti di confusione come le era capitato durante il precedente match contro Alize Cornet. Dopo un servizio tenuto per parte, Schiavone perde il servizio, non riuscendo a contenere i colpi profondi dell’avversaria. Francesca però non ci sta. Azarenka passa avanti 40 a 0, ma la nostra – grazie anche un bellissimo incrocio di dritto e una smorzata – riesce a piazzare cinque punti consecutivi, strappare la battuta e a portarsi in parità. Nel turno successivo la Schiavone, sotto 15-40, annulla la prima palla break con un ace ma non riesce ad arrivare a una formidabile risposta di rovescio dell’Azarenka, che si porta di nuovo avanti. Sul 3-2 la nostra, sotto 40-15, riesce a trascinarsi ai vantaggi e si procura nuovamente la palla del controbreak, che in teoria sfrutta grazie a un bellissimo passante in corsa ‘alla Nadal’ che tocca l’ultimo centimetro della riga di fondo. La palla è dentro, secondo l’occhio di falco, ma il giudice di sedia la giudica fuori, commettendo uno degli errori più clamorosi del torneo, e assegna al punto all’Azarenka. Le menti ritornano a quel tragico errore arbitrale che aveva condizionato in modo fatale le sorti della finale del French Open 2011 tra la stessa Schiavone e Na Li: per fortuna lo sbaglio di oggi non si rivela condizionante: Francesca riesce a procurarsi una nuova palla break e la sfrutta, salendo sul 3 pari. La partita è bella ed equilibrata, basata sulla pura lotta da ambo le parti: probabilmente nessuno pensava che quello sarebbe stato l’ultimo game di Francesca Schiavone.

Eppure è stato così: da quel momento Azarenka alza infinitamente il livello di gioco, non sbaglia nulla e rimane costantemente aggressiva e concentrata su ogni punto. Francesca invece appare molto più confusa, fa errori banali e sembra perdere progressivamente una chiara visione del gioco. Fatto sta che la bielorussa in appena mezz’ora piazza 9 giochi consecutivi e chiude il secondo parziale per 6-0. Una fine che sa di amarezza, perché i presupposti del match indicavano un decorso del match completamente diverso.

In ogni caso la Francesca Schiavone che lascia Parigi è sicuramente un’atleta rinvigorita da questi ottavi di finale (i settimi in carriera su 13 partecipazioni allo slam parigino); molto distante dalla Leonessa di tre anni fa, certo, ma ancora in eccellente forma e ancora in grado di competere a ottimi livelli.
Victoria Azarenka accede per la terza volta agli ottavi di finale del Roland Garros (dopo quelli raggiunti nel 2009 e nel 2011), dove incontrerà Maria Kirilenko.

Proprio poco fa si è concluso l’altro ottavo che vedeva opporsi la russa Maria Kirilenko (che dalla settimana prossima con tutta probabilità entrerà nella top-ten) e la sorpresa del torneo, Bethanie Mattek-Sands, esecutrice di Na Li. Diciamolo: Maria Kirilenko è una ragazza bellissima e affascinante, ma il suo tennis è decisamente insipido.
Decisamente più efficace e brillante è quello della Mattek, che parte bene nel primo set, coprendo la russa di vincenti e volando 4-1. Poi la statunitense, anche a causa di un malessere fisico non precisato – per il quale chiede un Medical Time Out sul 6-5 a suo favore – diminuisce il rendimento di gioco, si muove molto meno e fa una marea di errori non forzati, sparacchiando bolidi fuori di metri.
Maria, da formichina operosa quale è, si aggiudica il primo e passa un break di vantaggio nel secondo: tante sono le occasioni per Beth di rimontare, ma spreca tutto da sola.
Gli unici due colpi da ricordare di Maria Kirilenko sono gli incredibili passanti in recupero con i quali riesce, per due punti consecutivi, a inchiodare lo smash dell’avversaria a rete e scavalcarla. Con quelle due prodezze un po’ fortunate la Kirilenko sale 5 a 3 e chiude al successivo proprio turno di battuta.
Maria Kirilenko passa così ai quarti del Roland Garros, battendo Bethanie Mattek-Sands per 7-5 6-3. 
Al prossimo turno ha ben poche speranze.


Nessun Commento per “AZARENKA DOMINA SCHIAVONE. KIRILENKO SCAVALCA LA MATTEK-SANDS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • L’AZARENKA VOLA IN SEMIFINALE TENNIS- Con il punteggio di 7-6 6-2 Victoria Azarenka supera Maria Kirilenko e centra la sua prima semifinale del Roland Garros
  • È ANCORA AZARENKA – SHARAPOVA TENNIS – A Wimbledon , per il secondo Slam di fila le due campionesse dell’Est Europa vengono sorteggiate nella stessa metà di tabellone. Serena Williams quindi, viene abbinata ad […]
  • FRANCESCA 4X4 La Schiavone centra per la quarta volta un quarto di finale nello Slam. Grande prestazione della milanese contro la Kirilenko, battuta con un doppio 6/4 in quasi due ore di tennis. Ora la […]
  • DAY 9: LA LEONESSA CERCA IL RUGGITO TENNIS -Si apre la seconda settimana al Roland Garros con l’Italia ancora protagonista. Nella giornata dedicata agli ottavi di finale una ritrovata Schiavone prova a fare lo sgambetto all’ […]
  • SARA 10 E LODE. MARIA TORNA REGINA Come previsto il Roland Garros incide in maniera pesante sulle sorti della classifica mondiale. A sorridere sono soprattutto Sara Errani, nuova n.10 del mondo e Maria Sharapova, tornata in […]
  • A UN PASSO DALLA STORIA Francesca Schiavone ha superato l’ostacolo Kirilenko e, virtualmente, è già nella top ten. Scavalcherà l’amica Pennetta, con la quale è sfumato un derby nei quarti che sarebbe stato […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.