SCOMMESSE: BRACCIALI E STARACE COINVOLTI?

La Gazzetta dello Sport ha visionato le carte dell’inchiesta di Cremona sul calcioscommesse. Dalle indagini degli inquirenti, emergerebbero tentativi di combinare partite di tennis, che coinvolgerebbero anche alcuni tennisti di casa nostra
mercoledì, 15 Ottobre 2014

Cremona. Un nuovo scandalo scommesse sarebbe in procinto di abbattersi sullo sport italiano e sul tennis in particolare, coinvolgendo anche nomi abbastanza importanti. È quanto riporta oggi La Gazzetta dello Sport, che ha potuto visionare le carte dell’inchiesta portata avanti dalla Procura di Cremona, famosa già in passato per aver smascherato un immenso giro di partite truccate nel mondo del calcio, che coinvolgeva anche nomi illustri, tra i quali spiccava quello di Beppe Signori. Secondo la Rosa, sarebbero Daniele Bracciali e Potito Starace i due tennisti azzurri attenzionati dagli inquirenti.

Dall’incidente probatorio chiesto e ottenuto dal Pm Roberto Di Martino, sugli apparecchi sequestrati (pc, tablet e cellulari) ai vari personaggi coinvolti nell’inchiesta sul calcioscommesse, sono venute fuori non solo chiamate ed sms sospetti, ma anche una serie di conversazioni in chat, nelle quali questi personaggi, legati in particolare al cosiddetto clan dei bolognesi che ha messo nei guai Signori, tentavano di combinare alcune partite di tennis, per ricavarne un profitto tramite le scommesse. Secondo l’inchiesta l’aretino Roberto Goretti, insieme a Manlio Bruni, ex commercialista di Beppe Signori, cercavano di reclutare i tennisti per organizzare le combine perché: “Il calcio è rischioso, mentre il tennis regala soldi a tutti”.

E proprio dall’esame degli apprecchi di Bruni e Goretti, sarebbe saltato fuori il nome dell’ex top 50 Bracciali, che avrebbe intrattenuto conversazioni dirette con i due loschi individui. L’obiettivo dei due truffatori era quello di ottenere un risultato preciso, anche per quanto riguarda il numero dei game. “Se vinci il primo, poi nel secondo devi giocare almeno tre game”, scrive Bruni a Bracciali (Braccio78) su Skype. Per ottenere il risultato desiderato, le offerte ai giocatori potevano variare dai 20mila ai 60mila euro, a seconda dell’accordo raggiunto prima della partita. In chat Bracciali spiegherebbe anche i “costi” delle operazioni di combine: “Di solito ci offrono 50, poi dipende, comunque domani preferisco giocarla”.

Lo stesso Bracciali poi, nelle conversazioni che lo coinvolgono direttamente, nelle quali accetta o rifiuta le offerte, tira in ballo anche i suoi colleghi azzurri: Starace, Filippo Volandri, Andreas Seppi e Simone Bolelli. Quest’ultimo, da quanto emerge dalle intercettazioni, sarebbe anche entrato in contatto diretto con Bruni (“L’ho sentito, è gasatissimo”), il quale però potrebbe benissimo aver millantato.

Dalle chat su Skype, emergerebbe infine anche il coinvolgimento diretto di Potito Starace, chiamato in causa da un allibratore di Pescara, tale Erodiani, in una conversazione con tale Corradino, prima di una partita del tennista campano contro lo spagnolo Pablo Andujar dell’Aprile 2011(poi persa dall’italiano per 6-1 6-2). Erodiani chiede: “Starace ha fatto un assegno in garanzia?”, e Corradino risponde: “Sì”.

Anche se per il momento non ci sono formali avvisi di garanzia e il coinvolgimento dei tennisti azzurri rimane soltanto presunto, il quadro che emerge dal materiale visionato e pubblicato dalla Gazzetta è piuttosto fosco e getta nuove ombre sul tennis italiano, che già qualche anno fa ha pagato per il coinvolgimento dei suoi rappresentanti in un primo scandalo scommesse, conclusosi con una serie di squalifiche, che hanno colpito, tra gli altri, anche gli stessi Bracciali e Starace.


Nessun Commento per “SCOMMESSE: BRACCIALI E STARACE COINVOLTI?”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.