“SE IL VACCINO DIVENTERA’ OBBLIGATORIO, DOVRA’ FARLO ANCHE DJOKOVIC”

Il tennista spagnolo si è espresso in maniera molto chiara nei confronti dell'attuale numero uno del mondo
giovedì, 7 Maggio 2020

TENNIS – L’emergenza Coronavirus è diventata ormai un qualcosa con cui tutto il mondo è costretto suo malgrado a convivere, e in vari Paesi del pianeta si sta lavorando alacremente alla realizzazione del tanto agognato vaccino. Proprio a questo proposito, secondo quanto trapelato nelle ultime ore, potrebbe esserci la possibilità che nel mondo del tennis tale vaccino diventi obbligatorio per poter prendere parte ai tornei ufficiali, e le reazioni dei diretti interessati non hanno tardato ad arrivare.

Il numero uno del mondo Novak Djokovic nelle settimane scorse ha già lasciato intendere di non essere d’accordo con la necessità di essere vaccinato, ma in queste ultime ore Rafa Nadal si è espresso in maniera molto chiara riguardo a questa eventualità. “Ognuno è libero di pensarla come vuole – ha dichiarato lo spagnolo – e io non sono nessuno per chiedere nulla a nessuno, ma è chiaro che tutti noi dobbiamo rispettare le regole che sono all’interno del circuito. Se ci costringessero a essere vaccinati, anche Djokovic dovrà essere vaccinato se vuole continuare a giocare a tennis. Se l’Atp o l’Itf ci obbligano, dovremo farlo proprio come facciamo quando c’è da fare i conti con le restrizioni relative all’assunzione di medicinali per il controllo antidoping. Dobbiamo semplicemente seguire le regole e penso che la cosa migliore sia che lo facciano tutti”. Un messaggio molto chiaro quindi quello lanciato dal maiorchino, che poi ha anche parlato della situazione attuale e di quanto questo stop prolungato potrà influire sul proseguo della sua carriera. “E’ un aspetto questo – ha affermato Rafa – che non riguarda tutti allo stesso modo. Non possiamo mettere sullo stesso piano ad esempio uno come Roger Federer, che ha 38 anni, e un altro giocatore di appena 21. Se questo fosse successo a me quando muovevo i primi passi all’interno del circuito mondiale, avrei pensato che fosse una cosa bruttissima, ma avrei avuto ancora tutta la carriera davanti. Avendo invece molti più anni si prende consapevolezza di avere molte meno possibilità di vincere titoli importanti, e questa sosta forzata condizionerà per forza di cose uno come me, con un corpo logoro come il mio, e gli altri giocatori della mia età. Servirà quindi un duro lavoro – ha concluso Nadal – per riuscire a tornare al massimo della condizione, perché stare per tanto tempo lontano dalle competizioni pesa notevolmente, ma io sono molto fiducioso e cercherò di allenarmi al meglio per essere pronto quando potremo tornare a giocare”.

(Nella foto Rafa Nadal – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “"SE IL VACCINO DIVENTERA' OBBLIGATORIO, DOVRA' FARLO ANCHE DJOKOVIC"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.