SERENA WILLIAMS DONNA DELL’ANNO PER GQ

Riconoscimento importante per Serena Williams

Tennis. Serena Williams è stata eletta da GQ donna dell’anno 2018. Importante riconoscimento per la tennista americana, dopo la maternità difficile e il complicato ritorno nel circuito. Ha parlato dei momenti delicati vissuti in adolescenza, per un fisico non usuale rispetto alle sue colleghe e coetanee.

Mi sentivo strana, le mie tette erano più grandi di quelle di Venus, il mio corpo più massiccio. Avevo più curve. Soffrivo molto, e lei mi ha detto: ‘Sai, siamo tutti diversi. Non sei Venus, e non lo sarai mai. Non sarai mai sottile come lei, e va bene. E non sarai mai alta come lei, e va bene. È stato allora che ho cominciato a sentirmi più a mio agio con me stessa. Lei non c’entrava affatto. In genere le tenniste non mi assomigliano. Soprattutto quelle al top o chiunque abbia mai vinto un Grand Slam. Non sono affatto come me. “Porto la croce per la prossima generazione”, ha spiegato la campionessa a stelle e strisce.

Tornando alle Atp Finals, Nalbandian ha parlato di quell’incredibile finale del 2005 e di come andò dall’inizio quel torneo: “Tutto fu molto strano. Ero fuori dalla competizione, perché nono o decimo al mondo. Stavo andando a pescare con la famiglia e gli amici, e quando arrivò la chiamata dell’ATP pensai: ‘Cina? È troppo lontano, ma lo faròQuando sono arrivato lì ho avuto un ottimo feeling con il campo, le palle e credevo di poter fare qualcosa di buono. Ho perso con Federer al primo turno, ma mi sentivo bene e sulla partita incise molto il jet-lag. Poi ogni giorno giocavo meglio, mi sentivo in forma e rilassato perché non avevo niente da perdere. La finale contro Roger è stata incredibile”.


Nessun Commento per “SERENA WILLIAMS DONNA DELL'ANNO PER GQ”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.