SERENA WILLIAMS: “FINALE TUTTA AMERICANA? MI MANCA VENUS”

L'ultima la n.1 del mondo l'aveva disputata 14 anni fa, al Roland Garros contro sua sorella maggiore. "Che nostalgia!", ha escamato!
sabato, 14 Maggio 2016

Tennis – Serena è sempre Serena. Ha carisma, ha il suo stile in campo e fuori, ha la sua storia da proporre ad ogni conferenza stampa, ha ancora futuro da agguantare in un tennis che non vuole mollare malgrado i suoi 35 anni da compiere a settembre e la fresca delusione di un Grand Slam incredibilmente rovinato da Roberta Vinci agli US Open.
Gli internazionali d’Italia le stanno offrendo un nuovo inizio, dopo un lungo stop di riflessione, troppi pochi match disputati e nessun torneo vinto nel 2016.

Serena cosa pensi di questo risultato sulla terra, specialmente in vista del Roland Garros?
E’ bello vedere che gli allenamenti che stai facendo stanno portando dei buoni frutti. E’ come se tutti i pezzi di un puzzle si stessero mettendo apposto… indubbiamente  èuna buona sensazione. Inoltre, qui ho incontrato avversarie con diversi stili, una cosa molto utile.

Cosa pensi della tua rivale di oggi, Irina-Camelia Begu?
E’ una che gioca anticipato e mi ci è voluto un buon momento per prenderle le misure. Era la prima volta che la incontravo e non sapevo esattamente cosa aspettarmi. Ora capisco perché sta facendo così bene sul tour da un paio di anni a questa parte: gioca con intensità e combatte su ogni punto.

Sarà la prima finale tutta americana  sul “rosso” dopo tanto tempo, l’ultima l’avevi giocata contro Venus nel 2012! Che effetto ti fa?
E’ passato giusto un momento! Certo ho nostalgia delle battaglie con mia sorella, ma sono anche contenta per Madison. Lo sapevo che aveva il potenziale per diventare forte su tutte le superfici, ed è una bella cosa per il tennis americano.

Che cosa ti aspetti da lei domani?
Madison è giovane e migliora di giorno in giorno, mentre io sono un pochino più vecchia ogni volta che ci incontriamo… tenterò di essere pronta per affrontarla al meglio!

Qual è la superficie sulla quale ti stanchi di più?
Sai cosa? Se non sei pronto ad affrontare la fatica è meglio che non giochi a tennis. Per intraprendere questa carriera devi essere in forma fisicamente. Sul circuito tutti lo sono…

Serena Williams intervista roma semifinale 600

Serena Williams sulla sua avversaria di domani “Madison Keys ha grandi potenzialità su tutte le superfici”


Nessun Commento per “SERENA WILLIAMS: “FINALE TUTTA AMERICANA? MI MANCA VENUS””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • SERENA WILLIAMS: ”SONO FELICE, MA NON FESTEGGIO!” L'americana si è dichiarata troppo stanca per festeggiare il suo quarto titolo degli Internazionali d'Italia, forse fuori dal campo comincia ad accusare i suoi 35 anni!
  • PICCOLA MADISON CRESCE… “MA ANCORA NON E’ ABBASTANZA!” Come da pronostico al Foro Italico la Keys si è inchinata alla n.1 del mondo, che per il futuro le ha augurato di prendere il suo posto in vetta... "Non la deluderò e mi allenerò ancora […]
  • E PIOVE PIOVE SUL FORO ITALICO Tanta pioggia sugli Internazionali Bnl d'Italia, slitta il programma. La situazione al momento, le semifinali previste. ARTICOLO AGGIORNATO ALLE ORE 14 CON IL NUOVO ORDINE DI GIOCO
  • SERENA PRIMA SOFFRE POI DOMINA Internazionali Bnl d'Italia 2016, ottavi di finale. Contro la McHale, la Williams rischia nel primo set ma poi vola nel secondo
  • AZARENKA: ROMA MI FA MALE Ritiro per infortunio dopo la vittoria sulla Peer. E’ il secondo anno consecutivo che l’attuale numero uno della classifica Wta fa ritorno a casa “con i cerotti” dal Foro italico
  • FEDERER AL ROLAND GARROS: “MI SIETE MANCATI” La gioia di Roger Federer dopo la vittoria nel match d'esordio a Parigi, davanti ad un pubblico che lo acclama dal primo all'ultimo scambio.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.