SERENA WILLIAMS: “TROPPI CASI DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE”

La campionessa statunitense è tornata a parlare di un argomento così delicato soffermandosi soprattutto sulla situazione delle afroamericane

TENNIS – La furibonda lite avuta con il giudice sedia Carlos Ramos nella finale degli ultimi Us Open (persa poi con Naomi Osaka) è ancora negli occhi di tutti, anche perché gli strascichi furono notevoli e Serena Williams finì inevitabilmente nell’occhio del ciclone. La campionessa statunitense innescò una “battaglia” sessista molto delicata, affermando (parole sue dette in campo) che era stata punita dal giudice di sedia in quanto donna, mentre agli uomini, a suo dire, verrebbero perdonate frasi molto più pesanti.

Il polverone ovviamente fu notevole, se non altro per la portata dell’accaduto, ma a distanza di qualche mese Serena Williams è tornata a parlare della situazione delle donne, anche se innesto caso lo ha fatto in una accezione molto più ampia e scottante. La vincitrice di 23 prove del Grande Slam infatti ha parlato dell’alta percentuale dei casi di violenza domestica nei confronti delle donne afroamericane, proponendosi di nuovo come paladina del gentil sesso.

“Negli Stati Uniti – ha dichiarato Serena – una donna su quattro subisce violenze domestiche durante la sua vita e in quasi tutti i casi si verificano anche abusi economici. Ogni volta che mi soffermo su questa statistica mi sento persa. Queste donne potrebbero essere una nostra amica o una nostra parente. Dobbiamo migliorare questi numeri e comportarci bene. Una delle forme più sottovalutate di violenza è quella finanziaria. Le persone usano le finanze come un’arma che tiene le vittime intrappolate in relazioni pericolose e credo sia giunto il momento di mettere fine a certe cose”.

Di certo lei e sua sorella Venus hanno fatto molto per le donne di colore, a cominciare ovviamente dal mondo del tennis dove naturalmente la loro presenza ha aperto degli scenari nuovi ed importanti, ma la strada, secondo quanto dichiarato dalla stessa Serena Williams, è ancora lunga, specialmente negli Stati Uniti, anche se da parte sua ci sarà sempre il massimo impegno per fare sì che le cose possano migliorare di giorno in giorno. Intanto però Serena pensa già al 2019, sperando di poter portare a casa quel 24esimo titolo Slam che quest’anno le è sfuggito con le finali perse prima a Wimbledon e poi appunto a Flushing Meadows, e a partire dalla Hopman Cup di Perth, dove farà squadra con il giovane Frances Tiafoe, cercherà di trovare fin da subito la condizione migliore, per essere competitiva già ai prossimi Australian Open.

(Nella foto Serena Williams – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “SERENA WILLIAMS: "TROPPI CASI DI VIOLENZA CONTRO LE DONNE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.