SHAPOVALOV: “NORMALE INFORTUNARSI, CALENDARIO LUNGO”

Il canadese parla del lungo e fitto calendario Atp

Tennis. Il giovane promettente canadese Shapovalov ha parlato del lunghissimo e fitto calendario del circuito, il quale spesso costringe i giocatori a periodi di pausa per recuperare, saltando tornei ma a volte non evitando infortuni, in particolar modo fra gli over 30.

Zverev ha sottolineato questo problema un paio di volte, e di certo lo farò anche ioDeve cambiare qualcosa. Non si può continuare ad aggiungere settimane alla stagione e aspettarsi che ogni volta ci si presenti. È una stagione lunga, e siamo obbligati a giocare tanti tornei. E poi c’è tutto il resto, il viaggio, cambiare hotel. Anche se in una settimana non ci sono tornei, devi comunque allenarti e prepararti al successivo. Questo ti sfianca ed è ovviamente comprensibile come mai giocatori come Rafa [Nadal], Stan [Wawrinka] ed altri si infortunino”.

Il canadese guarda lontano e pensa al suo futuro: “È impossibile chiudere la carriera senza infortuni, perchè c’è troppo tennis, troppo carico sul tuo corpo. Il prossimo anno mi organizzerò senz’altro in modo diversoSto imparando, proprio come sta imparando il mio team. Ho proprio finito la benzina nelle ultime due settimane. Ci ho provato, ho dato tutto quello che potevo, ma non ce la facevo più. Ho sentito il bisogno di staccare: vedere la mia famiglia, riposarmi nell’off-season e presentarmi nel 2019 in forma e pronto a ripartire”.


Nessun Commento per “SHAPOVALOV: "NORMALE INFORTUNARSI, CALENDARIO LUNGO"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.