SHARAPOVA E IVANOVIC INCANTANO MILANO

Maria Sharapova ed Ana Ivanovic hanno abbagliato la sala Buzzati durante la conferenza stampa di presentazione di “La Grande Sfida”.
venerdì, 30 Novembre 2012

Quanta consapevolezza, quanto splendore, emana Maria Sharapova; nel suo abito nero, tagliato su misura per lei da Giorgio Armani.

Sullo schermo alle sue spalle viene proiettata l’immagine di una ragazzina bionda, magrolina, che aggredisce una pallina da tennis con la sua racchetta. Maria viene invitata a posare lo sguardo su quella fotografia. E’ lei, tredicenne, quando partecipò al torneo Avvenire; ricorda qualcosa di quei giorni milanesi? Ma ecco che la ‘divina’ alza leggermente una mano, fino all’altezza del proprio orecchio destro: l’auricolare che dovrebbe tradurle la domanda, forse a causa dell’emozione per quel contatto ravvicinato, non funziona; e c’è da capirlo, poverino, l’alone di soggezione che si espande intorno a Maria Sharapova può veramente lasciare senza fiato. Appena l’auricolare rinviene le è ripetuta la domanda: quindi, cosa ricorda? Maria Sharapova, dà una seconda, fugace occhiata alla fotografia che la ritrae, per una frazione di secondo sul suo viso compare persino un’espressione indefinibile, quasi faccia fatica a riconoscersi in quella ragazzina, quasi che non fosse sicura al 100% che sia veramente lei. La risposta è secca, tassativa: “Niente!”; poi dopo un lieve sospiro, pare quasi attingere un’emozione dalla sua memoria e dice: “Era bello però, avere 13 anni”. Otto anni nell’Olimpo del tennis sono tutti lì: nelle sue vittorie, nel suo talento, nel suo coraggio, nella sua determinazione, nella sua fierezza, nel suo portamento regale, nel suo ‘essere Maria Sharapova’.

La direttrice di Tennis Oggi, Michela Rossi, è stata la prima in Italia a parlare di quella ragazzina russa che a quindici anni era una promessa, ed ottenuti una serie di scatti dal noto fotografo americano Art Seitz, concordò un’intervista con la piccola Maria. Era già determinata a diventare numero uno del mondo, la giovane russa che solo un paio di anni dopo avrebbe vinto Wimbledon, però su un aspetto appariva un tantino più insicura, la sua ‘immagine’, al punto da raccomandarsi di ricorrere a photoshop per far scomparire i brufoli dai primi piani, prima di pubblicare le sue fotografie. Desiderio del manager, probabilmente, ancora prima che suo; fatto sta che Maria Sharapova non ha mai lasciato nulla al caso, nemmeno un brufolo. In fondo un motivo ci sarà stato se il geniale architetto Mies van der Rohe, era solito ribadire che “Dio è nei dettagli”.

Quando le viene chiesto dei suoi obiettivi per il 2013; Maria Sharapova non cita nessun torneo in particolare: “Farò il possibile per tornare numero uno del mondo, devo lavorare duro, giocare bene i tornei, tutti, non solo gli Slam, e sin dai primi turni”. Una bellezza algida, irraggiungibile la sua, impreziosita, se solo ce ne fosse bisogno, da un’intelligenza  acuta, da una mente analitica, lucida. Quanto a Serena Williams, la russa è di poche parole: “E’ una grande atleta, la sua stagione è stata fantastica”.

In contrasto con la ‘divina’; Ana Ivanovic si presenta invece in un completo color crema, preparato su misura per lei, sempre da ‘Re Giorgio’ che ne risalta la corporatura esile, i tratti delicati; come poi delicata, dotata di una grazia squisita,  è lei. L’ex numero uno del mondo e regina del Roland Garros, nel 2008, racconta come dopo quel successo “non è andata come avrei voluto; certo però sono convinta di aver tutte le qualità per tornare ai vertici. Di certo furono quindici giorni straordinari, quelli di Parigi, realizzai due sogni in un colpo solo”. Riguardo all’amicizia che la lega a Novak Djokovic spiega che persona meravigliosa sia, il suo connazionale: “Ci conosciamo da così tanto tempo! Lui è sempre sorridente, sempre pronto allo scherzo, è bello avere un amico come lui”. Traspare quasi un pizzico di timidezza nella bellissima tennista serba mentre sottolinea come “domani cercheremo di far divertire il pubblico affinché trascorrano una splendida giornata di tennis”.

A questo punto non ci resta che aspettare che domani, al Forum di Assago alle ore 16, La Grande Sfida abbia inizio.


Nessun Commento per “SHARAPOVA E IVANOVIC INCANTANO MILANO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • LA FAVOLA DI SARA ERRANI In occasione dell'imminente evento "La Grande Sfida" ripercorriamo il sogno di Sarita, campionessa che non ha mai smesso di lottare. Dal difficile esordio ai primi successi, fino alla […]
  • ‘LA GRANDE SFIDA’ PRELUDIO ALLA DAVIS? Presentata questa mattina a Milano l'edizione 2012 de 'La Grande Sfida', che vedrà in campo Errani, Vinci, Sharapova e Ivanovic. Tante le iniziative di contorno all'evento, che si annuncia […]
  • GRANDE TENNIS ALLA GRANDE SFIDA Una Grande Sfida di Grande Tennis al Forum di Assago. Maria Sharapova, Ana Ivanovic, Sara Errani e Roberta Vinci hanno conquistato i cuori di quasi 10.000 spettatori.
  • SHARAPOVA: MI PIACEREBBE ESSERE UNA SPIA “Prima o poi avrò un figlio e quindi non so quanti anni ancora giocherò, forse 3 o 4”. Ecco la Maria Sharapova che non ti aspetti in un’intervista fuori dalle righe, dove parla di Sara […]
  • ANA IVANOVIC, ALLA RICERCA DELLA SERENITÀ L’amore per il tennis, il desiderio di diventare una campionessa, il timore di non riuscirci. Ana Ivanovic, ex numero uno del mondo e sovrana di Parigi nel 2008, vuole riconquistare il […]
  • IL TALENTO DI ROBERTA VINCI Roberta Vinci, la più talentuosa delle italiane (e non solo). Forse non vincerà mai uno slam, ma verrà ricordata per il suo tennis dal tocco fatato. Scopriamo da vicino questa ragazza che […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.