DALLA SHARAPOVA A NADAL, TUTTI PROVANO IL “METODO FEDERER”

La tennista russa ha chiuso in anticipo il 2018 per presentarsi al meglio nel 2019, lo spagnolo salta Pechino e Shanghai mettendo a repentaglio la vetta del ranking Atp per preservare il ginocchio ed essere al Top per le Finals
giovedì, 20 Settembre 2018

TENNIS – I ritmi intensissimi di una lunga e logorante stagione tennistica all’interno del circuito mondiale, sia maschile che femminile, sono ben noti. E sulla scia di quanto ha fatto Roger Federer a partire dalla seconda parte del 2016 (quando rimase a “riposo” praticamente per sei mesi per poi ripresentarsi in forma smagliante agli Australian Open del 2017), sono sempre di più i giocatori e le giocatrici che si prendono delle “pause” per cercare di evitare infortuni e magari allungare anche la carriera.

Nel circuito Atp naturalmente lo stop più importante è quello di Rafa Nadal, che dopo il problema al ginocchio avuto nella semifinale degli Us Open contro Del Potro ha deciso di fermarsi e saltare la stagione indoor asiatica. Probabilmente lo spagnolo vorrà presentarsi al meglio all’appuntamento con le Atp Finale, torneo che non è ai riuscito a vincere, e pur essendo consapevole di mettere a rischio la posizione numero uno del ranking mondiale ha preferito pensare alla sua “salute”. Lo scorso anno infatti Nadal vinse a Pechino e perse in finale a Shanghai contro lo splendido Roger Federer di quel periodo, e i punti che perderà saranno tanti, ma evidentemente ha ritenuto più logico giocare di meno in determinati momenti della stagione (soprattutto se c’è da fare i conti anche con un problema fisico) ed essere al top quando conta di più. Del resto la formula “meno tornei ma di qualità” messa in campo da Roger Federer ha dimostrato di essere vincente, e anche Nadal, che come lo svizzero non è più un ragazzino, avrà realizzato l’importanza di preservare il proprio fisico in funzione di più anni di carriera da giocare ancora.

Pensiero questo, passando al circuito femminile, che deve aver fatto suo anche Maria Sharapova, visto che la tennista russa ha già dato l’arrivederci al 2019 dopo l’ultima partita giocata agli Us Open. Masha ha affermato di avere bisogno di recuperare e dare un minimo di tregua al suo corpo, e anche questa sua scelta può essere vista nell’ottica della stagione (o delle stagioni) a venire. Dopo il lungo stop legato al caso “Meldonium” e un rientro nel 2017 con tanti bassi e pochi alti, il suo 2018 è stato abbastanza consistente, pur non avendo avuto quei picchi di splendore che probabilmente si sarebbe aspettata. Evidentemente quindi, sapendo di non avere davanti tantissimi anni nel circuito femminile, la Sharapova avrà ritenuto opportuno rifiatare per prepararsi al meglio in vista del 2019, quando forse proverà a dare l’assalto ad un ultimo acuto di una carriera comunque importante. Lei stessa nel corso della stagione ha dichiarato di avere il sogno di vincere ancora uno Slam, e magari, anche se sarà difficile, il prossimo anno farà di tutto per realizzarlo, consapevole del fatto che fosse necessario fermarsi adesso e provare a lavorare al meglio per lanciarsi nel 2019 al top della condizione.

Quanto fatto da Roger Federer due anni fa quindi sembra aver fatto scuola, anche e soprattutto tra i giocatori e le giocatrici più importanti, che magari comprendono l’inesorabile scorrere del tempo ma vogliono ancora provare ad ottenere grandi risultati ai massimi livelli di questo sport. Vedremo quindi se la Sharapova sarà veramente in grado di vivere un 2019 da protagonista e se Rafa Nadal tornerà tirato a lucido per gli appuntamenti di novembre, ma di certo il trend delle ultime due stagioni conferma che sia nel circuito maschile che in quello femminile qualcosa sta cambiando, e da qui in avanti probabilmente saranno sempre di più i giocatori e le giocatrici che gestiranno il proprio calendario con maggiore parsimonia.

(Nella foto Maria Sharapova – www.zimbio.com)


Nessun Commento per “DALLA SHARAPOVA A NADAL, TUTTI PROVANO IL "METODO FEDERER"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.