SI FA SUL SERIO, AL VIA I QUARTI DI FINALE

La nona giornata di gare all’Australian Open prevede i due quarti di finale della parte alta del tabellone maschile e i due della parte bassa di quello femminile. Tornano in campo quindi Sharapova, Radwanksa, Ferrer e Djokovic, atteso dall'esame Berdych. Nel doppio Errani e Vinci sfidano le Williams
lunedì, 21 Gennaio 2013

Tennis. Melbourne (Australia). Il secondo lunedì dell’Australian Open ha chiuso il programma degli ottavi di finale, delineando i magnifici 16 (8 uomini e 8 donne), che si giocheranno, a partire da domani, la possibilità di conquistare il primo Slam del 2013. I principali favoriti dei due tabelloni sono ancora tutti in corsa e solo Novak Djokovic, ieri contro Stanislas Wawrinka, ha rischiato seriamente di abbandonare anticipatamente il torneo di cui è due volte campione in carica.

Il tabellone maschile vede ai quarti di finale sei delle prime otto teste di serie. Mancano all’appello solo Juan Martin Del Potro(6) e Janko Tipsarevic(8). Al loro posto si sono qualificati il francese Jeremy Chardy, unico giocatore non inserito tra le teste di serie ai quarti, nonché grande sorpresa di questo Slam, e Nicolas Almagro, decimo favorito, che anche alla vigilia sembrava comunque avere qualcosa in più, rispetto ad un Tipsarevic non al meglio. Tra le donne invece, sono arrivate ai quarti di finale solo cinque delle prime otto favorite, viste le debacle di Angelique Kerber(5), Sara Errani(7) e Petra Kvitova(8). Al posto di queste ultime tre, si sono qualificate la ritrovata Svetlana Kuznetsova (unica unseeded rimasta in corsa), Ekaterina Makarova e Sloane Stephens.

Purtroppo il secondo lunedì dell’Australian Open ha messo fine anche all’avventura italiana a Melbourne, con l’eliminazione dell’ultimo superstite, Andreas Seppi, per mano del già citato Chardy. Un vero peccato, perché anche la partita di oggi si era messa bene, con il nostro giocatore che aveva vinto il primo set e che sembrava poter battere un avversario infastidito anche da qualche problema fisico. Alla fine però l’altoatesino è stato tradito dalla stanchezza e, forse, dall’emozione di essere arrivato ad un passo dallo storico traguardo dei quarti di finale. Il torneo di Seppi, che lo condurrà da lunedì prossimo alla posizione numero 18 del ranking, riportando un italiano tra i primi 20 dopo 17 anni, resta comunque più che positivo, anche se, a mente fredda dopo la disfatta di questa notte, la sensazione che un’occasione del genere difficilmente ricapiterà è dura da scacciare dalla mente.

Al via i quarti di finale. Il nono giorno di gare, propone i primi quattro quarti di finale: i due della parte alta del tabellone maschile e i due della parte bassa del tabellone femminile.

Na Li – Agnieszka Radwanska (H2H 5-4). È l’incontro che apre il programma sulla Rod Laver Arena, alle ore 11.00 australiane, ore 01.00 italiane. È anche il quarto di finale più nobile per nomi e classifica delle due contendenti. Agnieszka Radwanska si presenta all’appuntamento forte di un record stagionale “illibato” di 13 vittorie e 0 sconfitte. Tutte le vittorie inoltre sono arrivate in due set. Anche Na Li ha iniziato l’anno molto bene con una sola sconfitta, patita proprio contro la polacca in semifinale al torneo di Sydney, con il punteggio di 6-3 6-4. Prima di quell’incontro, “Aga” non aveva mai battuto la cinese sul cemento in quattro partite. Domani le condizioni di gioco saranno molto simili all’ultimo recentissimo precedente e quindi, anche per lo stato di forma mostrato finora nel torneo, Radwanska sembra partire con i favori del pronostico.

Makarova – Sharapova (H2H 0-4). Terzo match sulla Rod Laver Arena, non prima delle 05.30 italiane. Inattesa riedizione del quarto di finale dello scorso anno. In pochi infatti si sarebbero aspettati alla vigilia, che Ekaterina Makarova riuscisse a ripetere l’exploit del 2012, soprattutto alla luce di un tabellone che ha messo sulla sua strada avversarie del calibro di Marion Bartoli ed Angelique Kerber. La russa invece, stupendo un po’ tutti, ha dimostrato come il risultato del 2012 non sia stato solo un episodio. La sua corsa tuttavia, sembra destinata a concludersi domani contro una Maria Sharapova in formissima. La siberiana sta facendo lievitare le proprie quotazioni per la vittoria finale, a suon di prestazioni dominanti. In quattro incontri, Masha ha lasciato alle sue avversarie la miseria di cinque games, un ruolino di marcia che mai nessuna aveva avuto nella storia dell’Australian Open. Lo stato di forma della numero due del mondo e i quattro precedenti, nei quali Makarova ha portato a casa solo un set, non sembrano lasciare dubbi su quello che sarà il risultato della partita.

Ferrer – Almagro (H2H 12-0). Secondo match sulla Rod Laver Arena. Anche senza Rafael Nadal, la Spagna ha comunque la sicurezza di piazzare un giocatore in semifinale, grazie al derby previsto ai quarti. Se c’erano pochi dubbi sulle possibilità di David Ferrer di arrivare in fondo al torneo, è sicuramente una novità l’approdo al terz’ultimo atto di Nicolas Almagro, uno che lontano dalla terra del Roland Garros non era mai andato oltre gli ottavi, che a Melbourne aveva raggiunto nelle ultime tre edizioni. Nico, dopo aver rischiato grosso al primo turno Steve Johnson, ha superato senza eccessivi patemi avversari ostici come Jerzy Janowicz e Janko Tipsarevic. Anche Ferrer ha incontrato finora pochi problemi, cedendo solo un parziale, più che altro per distrazione, contro l’americano Smyczek. “Ferru” si presenta a questo quarto di finale con un biglietto da visita di 12 vittorie in dodici precedenti incontri con Almagro, che lo rende il favorito d’obbligo di questo derby.  

Djokovic – Berdych (H2H 11-1). Ultimo match sulla Rod Laver Arena, non prima delle 09.30 italiane. La sessione serale di Melbourne prevede quello che è sicuramente il quarto di finale più affascinante del tabellone maschile. Tomas Berdych, autore finora di un torneo ai limiti della perfezione, non ha mai creato troppi problemi a Novak Djokovic, visto che in 12 precedenti incontri tra i due, il ceco si è imposto soltanto una volta, nel 2010, a Wimbledon, torneo nel quale avrebbe poi raggiunto la finale. In condizioni normali dunque, il serbo sarebbe stato nettamente favorito. Però, le cinque ore e due minuti di battaglia sostenute da Nole nel suo straordinario ottavo contro Stanislas Wawrinka, fanno comparire un grosso punto interrogativo vicino al numero uno del mondo. Avrà assorbito la fatica accumulata, oppure si presenterà in campo a mezzo servizio? In conferenza stampa Djokovic ha detto di non temere la stanchezza ed alla luce di quanto accaduto lo scorso anno, quando il serbo superò Nadal in quasi sei ore di finale, dopo aver battuto due giorni prima, Murray in quasi cinque ore, c’è da credergli. Per questo il favorito rimane comunque Djokovic, che con una vittoria inoltre, conquisterebbe la certezza matematica di rimanere numero uno al termine del torneo.

Doppi e giovani. Se l’avventura italiana in singolare è finita, almeno in doppio, abbiamo di che consolarci visto che portiamo due coppie e mezzo ai quarti, nei due tabelloni. Domani scenderanno in campo Sara Errani e Roberta Vinci, chiamate all’impresa contro le sorelle Williams, che già le avevano distrutte nell’ultimo torneo olimpico. Il loro match è previsto come terzo incontro sulla Margaret Court Arena. Giocheranno invece mercoledì la coppia composta da Fognini e Bolelli e quella formata da Bracciali e Dlouhy. Tra i giovani infine, scende in campo il nostro baby fenomeno Gianluigi Quinzi, testa di serie numero due, impegnato nel suo incontro di secondo turno (secondo match sul campo 7) contro il koreano Young Seok Kim.


Nessun Commento per “SI FA SUL SERIO, AL VIA I QUARTI DI FINALE”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • DAY 1: SERENA, NOLE E GLI ASSI ITALIANI TENNIS – Inizia l’Australian Open 2014. Nel maschile scende in campo la parte bassa del tabellone, nel femminile quella alta. Williams e Djokovic animano la sessione serale sul centrale. […]
  • DAY 5, TORNANO IN CAMPO DJOKOVIC E SHARAPOVA Match da non sottovalutare per il serbo contro Radek Stepanek. 'Masha' entra in rotta di collisione con Venus Williams. Alla Radwanska tocca Heater Watson, mentre per Ferrer c'è Baghdatis. […]
  • LI NA + CARLOS RODRIGUEZ DA 10 E LODE Un Australian Open da 10 e lode per la campionessa di questa edizione Li Na. Onore e meriti anche a Dominika Cibulkova ed Eugenie Bouchard. Deludono le big, mentre la maggior parte delle […]
  • DAY 7: FOGNINI E PENNETTA A CACCIA DELL’IMPRESA TENNIS – Iniziano gli ottavi di finale dell’Australian Open. I due italiani proveranno a sovvertire il pronostico contro Djokovic e Kerber. Serena Williams è attesa dalla prova Ivanovic, […]
  • AUSTRALIAN OPEN DAY 1: APRONO NOLE E MASHA Parte la 105esima edizione dell’Australian Open. I piatti forti di giornata sono gli esordi di Djokovic e Sharapova. Iniziano il loro torneo anche Ferrer, Berdych, Radwanska e Li. Sei […]
  • AUSTRALIAN OPEN, IL TABELLONE FEMMINILE È stato estratto il main draw femminile della 101esima edizione dello Slam australiano. Serena Williams è stata sorteggiata nella parte di tabellone presidiata da Victoria Azarenka. […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.