SIMON: “DOVREBBERO DARCI RISPOSTE PIÙ CHIARE”

Il veterano francese esige risposte più chiare prima di decidere se recarsi o meno negli Stati Uniti per gli US Open
martedì, 7 Luglio 2020

Tennis. L’ombra della cancellazione degli US Open torna a farsi sentire. Dopo l’ottimismo che era trapelato nelle ultime settimane, il problema dei contagi e della quarantena obbligato potrebbe indurre numerosi giocatori a concentrarsi esclusivamente sulla stagione europea sulla terra battuta.

Nel frattempo, Gilles Simon si è interrogato sulla convenienza per i giocatori di recarsi a New York tra un mese e mezzo. La USTA ha fatto di tutto per implementare un protocollo sicuro, ma l’impressione è che alcuni campioni potrebbero dare forfait.

Dal punto di vista economico godo di una certa libertà e posso decidere se andare o meno in America, se assumermi o meno la responsabilità di viaggiare fino a lì, però il problema è più che altro legato alla distribuzione dei punti, non esistono regole certe in merito a questo.

In assenza di spiegazioni chiare non posso decidere con certezza, penso che se non venissero assegnati dei punti, forse tutti si sentirebbero potrebbero prendere una scelta libera senza condizionamenti” – ha spiegato il veterano francese.

“Non sappiamo come saranno le cose tra un paio di mesi in giro per il mondo. Cosa succede in caso di positività al tampone?

Non puoi ritornare a casa e devi rimanere quattordici giorni in hotel? E in quel caso dovremmo testare anche tutti gli altri? Come giocatore, è qui che mi piacerebbe ottenere delle risposte.

Cosa succede se una cosa del genere dobbiamo affrontarla quando ci troviamo già al terzo turno? Non hanno ancora pensato a un piano per tutte queste problematiche” – ha aggiunto.


Nessun Commento per “SIMON: "DOVREBBERO DARCI RISPOSTE PIÙ CHIARE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.