SIMON SPAVENTA NADAL MA VINCE LO SPAGNOLO. BERDYCH AGLI OTTAVI

Gilles Simon extralusso spaventa Rafa ma il maiorchino lo batte in tre set. Tomas Berdych avanza senza problemi agli ottavi
mercoledì, 14 Maggio 2014

Si avvicina il weekend ed il pubblico delle grandi occasioni comincia a popolare sempre più i roventi campi di Roma. Si avvicinano, entrando in tema, anche gli ottavi di finale e proprio per questo motivo, oggi si completava il quadro riguardante i secondi turni rimanenti. Se lo shock per la perdita (sportiva ci mancherebbe) del beniamino Roger Federer per mano di Chardy ha fatto calare sensibilmente i battiti del cuore di migliaia di appassionati, non possiamo dire lo stesso dopo aver visto e visionato alcune gare in programma oggi.

Tre ore e più di gioco per aver la meglio su uno straordinario, straordinario Gilles Simon, sconfitto nel risultato ma non nel gioco da un Rafa Nadal costretto ai ‘lavori forzati’ per approdare agli ottavi. Domani affronta Youzhny che non sta vivendo una buona stagione, cercando di non sprecare ulteriori energie, proprio quelle che stasera sono servite tutte. Partita tra il francese ed il maiorchino davvero epica. Ci si aspettava un Simon in grado di poter infastidire Rafa ma non fino a questo punto. I primi due set sono andati di break 7-6 Rafa 7-6 per il transalpino. Poi la svolta nel terzo quando l’allievo di zio Toni strappa il servizio al suo avversario e spinge sia di dritto che di rovescio provando e trovando qualche crepa nel gioco di Simon che dal canto suo sfodera un dritto lungolinea di primissima fattura e scaccia via, o quantomeno prova a farlo, l’iberico. Ma Nadal scappa e vince questo match sul centrale romano che, siamo certi, dimenticherà difficilmente.

Non tradisce emozioni particolari il ceco Tomas Berdych che regola in poco più di un’ora e venti il temibile russo Dmitry Tursunov e vola agli ottavi col punteggio di 6-4 6-3. I precedenti tra i due d’altronde parlavano chiaro. Nelle nove volte in cui si erano affrontati, soltanto in una sola occasione, precisamente a Mumbai (India) il moscovita era riuscito a battere (in tre set) l’attuale numero sei del mondo.

Il russo Mikhail Youzhny ad esempio ha approfittato delle non esaltanti condizioni fisiche del suo avversario, Andrey Golubev per approdare agli ottavi. Sul risultato di 7-5 4-1 il kazako numero 59 del mondo ha alzato bandiera bianca, consegnandosi ad una sconfitta che ad ogni modo sembrava poter arrivare anche senza lo sfortunato problema fisico. Niente male però il torneo sin qui disputato dal moscovita che dopo aver eliminato Nicolas Mahut, che resta sempre un cliente capace di creare fastidiosi grattacapi, si è ripetuto oggi. Qualcuno lo aveva già dato per ‘finito’ qualche settimana fa, che sia l’occasione giusta per smentire i detrattori?

Chi detrattori non ne ha mai avuti (semmai li avesse sarebbero da estradizione) è Tommy Haas, che in meno di un’ora e venti liquida la pratica olandese Igor Sijsling 7-6 6-1 lasciando le briciole nel secondo set e dominando in lungo e largo. Il tedesco, aiutato da quasi il 70% di prime messe in campo ha dovuto faticare non poco nel primo set quando il gigante olandese numero 53 del mondo lo ha trascinato ad un passo dal perderlo questo set. Esperienza e naturalmente classe sopraffina ha permesso al buon Tommy di portare nel ‘suo porto’ questo complicato gioco, esaltandosi e divertendosi nel susseguente. Dopo aver fatto fuori il nostro Andreas Seppi dunque, Haas di prepotenza avanzi agli ottavi dove affronterà, in quella che si preannuncia una sfida per palati sopraffini, nientemeno che Stanislas Wawrinka.

Bene Dimitrov che aveva il non facilissimo compito di disinnescare il sempre temibile servizio del croato Ivo Karlovic, re assoluto nel portare i suoi avversari a giocarsi i tie-break. Detto fatto, nel primo set si va per l’appunto a giocarsi il tie vinto abbastanza agilmente dal bulgaro. Secondo set in scioltezza dopo aver subito breakkato il gigante di Zagabria, Grigor ha amministrato al meglio le fasi salienti del match dimostrando applicazione e concentrazione massimali. Notevole il rovescio che l’ha molto aiutato sulle scorribande sotto rete di Karlovic e dritto davvero delizioso.

Passa ma a fatica anche il lettone Ernests Gulbis che ha impiegato quasi  due ore di gioco per venir fuori dalla tela architettata in maniera più che sontuosa dal francese Stephane Robert che in più di un’occasione ha dato come la sensazione di poter davvero fare il colpaccio. 6-7 6-4 6-3 per il bizzarro giocatore di Riga che se la vedrà con David Ferrer agli ottavi. Anche questa, come per Wawrinka – Haas, garantiamo per qualità e l’intensità.


Nessun Commento per “SIMON SPAVENTA NADAL MA VINCE LO SPAGNOLO. BERDYCH AGLI OTTAVI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.