SINNER: “HO SCOPERTO I TOP-TEN”

L'altoatesino perde contro la testa di serie n.8 e racconta le sue emozioni al termine di una fantastica esperienza romana
giovedì, 16 Maggio 2019

Tennis. Né il suo aspetto, né il suo nome indicano la sua italianità.

Jannik Sinner si presenta in conferenza stampa con i capelli rossi e una corporatura alta e asciutta da 17enne nordico. In effetti è del “profondo” Nord, ma dello Stivale visto che è nato a San Candido, in Alta Pusteria. Una bella fortuna per il nostro Paese avere saputo individuare, e curare (grazie coach Riccardo Piatti!) un talento così promettente!
Partito dalle prequalificazioni degli Internazionali, oggi la sua corsa è terminata contro l’ostacolo Stefanos Tsitsipas, il rampante greco testa di serie n.8 del “main draw” capitolino. Ma il suo bilancio è a dir poco positivo. Ecco come ha commentato l’esperienza al Foro Italico:

“Oggi ho scoperto qual è la differenza tra un buon giocatore e un top-ten. Stefanos è molto forte sia mentalmente che fisicamente, cosa che gli ha permesso di giocare con la stessa intensità dal primo all’ultimo colpo, Non è ancora così per me, ma vado via da Roma con una nuova consapevolezza e con un’idea precisa di come dovrò giocare fra tre anni”.

“I tre aggettivi che descrivono meglio i miei sentimenti lasciando il Foro Italico sono: felice, e come potrei non esserlo! Emozionato: non solo ho alzato l’asticella e conosciuto un pubblico incredibile, ma mi sono anche allenato con Federer! Consapevole: so che dovrò lavorare ancora molto per salire di livello, ma adesso so anche dove voglio arrivare prima di compiere 20 anni!”


Nessun Commento per “SINNER: “HO SCOPERTO I TOP-TEN””


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.