SINNER: “NON CAPISCO LE CRITICHE VERSO DI ME”

La giovanissima promessa azzurra non si cura delle critiche che gli sono state rivolte per un inizio di stagione sottotono

Tennis. Il nostro Jannik Sinner ha centrato il suo primo quarto di finale in un ATP 500 battendo un Top 10 come David Goffin in quel di Rotterdam. Il pupillo di Riccardo Piatti, che non aveva iniziato bene la stagione, si è presentato visibilmente soddisfatto davanti ai giornalisti.

Sono felice dopo questa vittoria, oggi non era facile: Goffin è un avversario molto solido che corre tanto in campo, lui ti costringe a fare tante cose diverse nel corso del match, cambiando molto ritmo e potenza dei colpi. Vincere contro un top ten è un traguardo importante, ma devo viverlo solo come un test e una normale vittoria.

Mi serve per capire a che livello sono, cosa posso imparare ancora e dove migliorare, ma alla fine una vittoria è sempre solo una vittoria, a prescindere dal livello del tuo avversario. 

Carreno Busta non lo conosco, mi aiuterà Riccardo a farlo, ma so già che domani non sarà facile, lui ha battuto qui Bautista Agut e so che sarà difficile domani” – ha dichiarato il giovanissimo altoatesino.

Le critiche non sembrano toccare l’animo di Jannik: “Sono un  ragazzo di 18 anni, che ha la fortuna di stare giocando già a questa età questi tornei importanti, Non so onestamente cosa ci sia da criticare, poi per fortuna io non leggo nemmeno tanto quel che si dice di me.

So che c’è gente che ama fare critiche e altra che pensa positivamente, non mi devo far condizionare ma io devo seguire la mia strada e sono soddisfatto di quel che sto facendo.

Sicuramente mi aspettavo di fare meglio in questo inizio di 2020, ma la stagione è lunga e i conti si faranno alla fine.


Nessun Commento per “SINNER: "NON CAPISCO LE CRITICHE VERSO DI ME"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.