SINNER: “PIÙ VINCI, PIÙ CRESCE LA PRESSIONE SU DI TE”

La giovane promessa del tennis azzurro non teme la pressione che si è creata intorno a lui, anzi è pronto per nuove sfide

Tennis. Quando manca sempre meno all’inizio del 2020, il nostro Jannik Sinner ha rilasciato una lunga intervista a ‘Repubblica’. Il giovane talento altoatesino ha passato in rassegna il suo splendido 2019, che lo ha visto scalare la classifica e issarsi al numero 78 ATP.

“Più vinci e più sale la tensione su di te, funziona così. Le cose intorno a te cambiano, anche fuori dal campo. Ma io non sono cambiato, ho trovato un modo per gestire l’eccesso di attenzioni: me ne frego e penso solo a quello che faccio.

A casa mamma e papà mi hanno sempre insegnato a essere sincero. Spero davvero di non fermarmi solo al numero 50 del mondo. Devo alzare il livello dei tornei, arrivare a giocare 60 partite senza perdere il ritmo. 

Il mio vero target è la continuità, perché sono ancora discontinuo a grandi livelli“ – ha spiegato il pupillo di Riccardo Piatti.

Jannik ha risposto a chi lo considera troppo presuntuoso: “Me ne rendo conto. Ma chi non vuole diventare numero uno del mondo? Poi ognuno ha il suo carattere: io ero rompiballe già a quattro anni, mi dicono: quando volevo una cosa andavo a prendermela e stop. Ero così anche nello sci. Ma fuori dall’agonismo scherzo e gioco tanto. 

Fuori dal campo sono ancora adesso un bambino, mi diverto un sacco e in fondo penso sia anche giusto a questa età non prendersi troppo sul serio. Anzi, spero di restare un ‘bambino’ il più a lungo possibile”.


Nessun Commento per “SINNER: "PIÙ VINCI, PIÙ CRESCE LA PRESSIONE SU DI TE"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.