SINNER: “QUESTA FINALE NON SIGNIFICA NULLA”

A dispetto della grandissima impresa realizzata, Sinner ha voluto minimizzare il significato della finale al Miami Open
sabato, 3 Aprile 2021

Tennis. A 19 anni e 7 mesi, Jannik Sinner ha raggiunto la sua prima finale in un Masters 1000 al Miami Open.

L’azzurro ci è riuscito rimontando un osso durissimo come Roberto Bautista Agut, peraltro in condizioni rese ancora più difficili dal vento.

Quando sei lì a pelare le patate, non vuol dire che proprio non sai cucinare. Vuol dire che la strada è lunga, che devi imparare tante ricette, devi capire come impiattare.

Ma quello arriverà dopo. Io credo di essere cresciuto nelle ultime tre settimane, ma questo non vuol dire che io abbia finito di pelare patate e carote

Mi piacerebbe essere già lì a impiattare, ma adesso è impossibile“ – ha dichiarato l’altoatesino.

Il settimo game del secondo set ha giocato un ruolo decisivo nell’economia della sfida. “Roberto ha alzato il ritmo, io non ho servito benissimo e ho fatto qualche errore.

Ho cercato di rimanere attaccato alla partita perché finire sotto 4-3 con il break… non sarebbe stato facile rientrare.

Ovviamente preferiresti non trovarti in quella situazione, ma anche quando ti trovi sotto 0-40 non è detto che tu debba perdere il game.

E proprio quel game ha cambiato un po’ la partita: ci sono punti che possono decidere un match.

In ogni caso, essere sotto di un break non significa niente. La partita non è certo finita“ – ha analizzato Sinner, che in caso di successo farebbe il suo ingresso nella Top 15 ATP.

Ogni anno che passa sono un giocatore diverso“, continua. “E fra un anno sarò ancora un altro giocatore, spero, perché non vorrei fermarmi qui come livello.

Ma sono sicuro che non mi fermerò, perché alle mie spalle ho Riccardo, Dalibor, tanti esperti. Però non mi metto fretta, la strada è lunghissima. Non vuol dire nulla il fatto di fare una finale qui“.


Nessun Commento per “SINNER: "QUESTA FINALE NON SIGNIFICA NULLA"”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.