SÖDERLING , IL PRIMO COMPLEANNO LONTANO DAL TENNIS

Lo svedese Robin Soderling, pur avendo vinto solo 10 tornei in carriera, è stato anche numero 4 del ranking prima di un ritiro amaro
domenica, 14 Agosto 2016

TENNIS – Brutale, potente, talvolta burbero. Tanto difficile da affrontare in campo e negli spogliatoi, quanto sfortunato in una carriera caratterizzata da una sfortuna pazzesca. Spegne oggi 32 candeline Robin Bo Carl Söderling, il primo compleanno dello svedese lontano da racchette e palline. Una parabola discendente quella del ragazzone nordico nato a Tibro, che è salito fino al numero 4 nel ranking ATP senza però mai riuscire a trionfare in un torneo dello Slam. Nel corso della sua carriera, Söderling è riuscito a trionfare in 10 tornei dell’ATP World Tour, conquistando un prize money superiore ai 10 milioni di dollari, ma senza dubbio ha raccolto molto meno di quanto ci si attendesse dai suoi progressi. A stroncare la sua vita agonistica è stata una gravissima forma di mononucleosi, contratta nel 2011, che l’ha tenuto lontano dai campi fino al 2014. Un calvario che, purtroppo, non ha portato all’happy ending tanto sperato, visto che lo scorso 23 dicembre ha annunciato il suo ritiro definitivo dal tennis in una lettera tanto amara quanto commovente.

Prima della malattia, Söderling aveva mostrato progressi significativi, e in tanti avevano apprezzato la sua scalata nelle classifiche mondiali e pronosticato per lui un futuro roseo. L’incoronazione era arrivata addirittura da Borg, che aveva dichiarato di ammirare la crescita di Robin e lo riteneva pronto per vincere uno Slam. Un percorso più che altro mentale prima che tecnico, per il quale è stato decisiva l’influenza di coach Magnus Norman, al suo fianco dal 2008 al 2010 e fortemente decisivo anche nel momento più alto della carriera dello svedese. Era il 2009, e al Rolang Garros Söderling si ritrovò di fronte a Rafael Nadal, non certo un avversario qualunque, che arrivava da 66 vittorie consecutive sulla terra rossa parigina.

Fu quella partita a portare il “vikingo di Tibro” agli onori della cronaca, e gran parte del merito si deve proprio a Norman, che il giorno prima del match spronò a tal punto Söderling da trasformarlo in campo in una macchina impossibile da battere, anche per Nadal. Arrivò poi l’acuto ai master di Parigi nel 2010, quando sconfisse Gael Monfils per 6-1 7-5. Due acuti di una carriera poi rovinata dalla mononucleosi. Una malattia che è riuscita a sconfiggere il suo gioco potente, il suo servizio tanto terrificante quanto potente. È riuscita a scalfire l’animo di un atleta, ad annullare i suoi progressi, a cancellare tutti i sacrifici. L’amarezza per un sogno infranto resta, ma il nome dello svedese resterà impresso nella storia del tennis. Da Tibro a Parigi, andata e ritorno.


Nessun Commento per “SÖDERLING , IL PRIMO COMPLEANNO LONTANO DAL TENNIS”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • SODERLING E NORMAN, PERIODO DI RIFLESSIONE L'addio tra il giocatore e il suo coach non è ancora definitivo, lo svedese vorrebbe continuare ma la vita nel tour sembra essere diventata troppo stressante per il suo allenatore
  • IL PRIMO SLAM DI MAGNUS NORMANN Tennis. Dopo aver perso una finale da giocatore, la carriera da coach ha regalato allo svedese la prima vittoria in una prova dello slam, trascinando dalla panchina un sorprendente […]
  • ADDIO TRA SODERLING E NORMAN Dopo giorni di affermazioni e smentite arriva al capolinea il rapporto tra Robin e il suo coach. Il numero 5 del ranking mondiale è ora in cerca di una nuova guida
  • MAGNUS NORMAN: 40 ANNI E ANCORA TANTO DA DARE AL TENNIS L'ex n.2 del mondo ed attuale coach di Wawrinka, compie 40 anni. I tanti infortuni hanno frenato la carriera di Magnus Norman, ma non hanno smorzato il suo amore per il tennis.
  • PREVIEW DEL MARTEDI’ DEL RG A Parigi è il tuno di Nadal e della Clijsters, mentre l'Italia schiera Volandri, Dentoni e Oprandi.
  • SODERLING LANCIA LA SFIDA Lo svedese, che debutterà domani a Brisbane, promette battaglia per la nuova stagione con l'obiettivo di intromettersi tra Federer e Nadal

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.