STARACE LA SPUNTA, FOGNINI NO

Potito si complica la vita, ma supera in tre set un coriaceo Cuevas. Fognini manca la rivincita contro Robredo. Nouvelle vague a San Josè, a Rotterdam cade Ferrer
mercoledì, 9 Febbraio 2011

La fine della giornata di tennis nel torneo ATP di  Costa do Sauipe è stata tutta dedicata ai tennisti azzurri, protagonisti degli ultimi due match. Il risultato è di parita, se visto complessivamente, con una nuova sconfitta per Fabio Fognini contro Tommy Robredo ed un successo per Potito Starace contro Pablo Cuevas.

Starace si complica la vita. Opposto ad un giocatore solido ed in ascesa come il numero 63 del mondo Cuevas, Potito avrebbe potuto chiudere il match più  rapidamente e senza troppe difficoltà. Grazie ad un servizo efficace e regolare, il nostro rappresentante si è trovato infatti avanti per 6-4 5-4 con il servizio a disposizione per mandare l’uruguagio a casa con un doppio 6-4 sul groppone. L’occasione per chiudere si è però trasformata in un micro-incubo per  il campione di Cervinara, che si è ritrovato a cedere il servizio per due volte consecutive e con esso il secondo set.

Il lato positivo degli eventi negativi sta tutto nella nostra capacità di reagire. E qui Potito ha dimostrato di essere in buona condizione mentale. Nel terzo set il numero 46 del mondo non ha infatti lasciato quasi nulla all’avversario. Un break nelle prime battute è stato infatti sufficiente a chiudere la partita, grazie soprattutto ad una ritrovata efficacia con il servizio dopo il blackout del finale del secondo set. Ora Starace, numero 7 del tabellone, troverà Leonardo Mayer, vincitore in rimonta su Igor Andreev con il punteggio di 4-6 6-4 7-6(2). In caso di successo Potito potrebbe mirare ad un quarto di finale contro Dolgopolov.

Fognini si salva, ma poi cede. Il sorteggio, un po’ beffardo, regalava a Fabio Fognini la possibilità di una rivincita della semifinale di Santiago, terminata senza stretta di mano dopo un match decisamente nervoso e caotico. L’incontro odierno è stato meno dominato dal nervosismo, ma non ha portato un risultato troppo diverso. Fognini ha perso nuovamente, questa volta per 3-6 7-6(4) 3-6, nonostante una buona rimonta nel secondo set. Un po’ come Starace, anche Robredo avrebbe potuto chiudere in due set, con l’aggravante di avere avuto a disposizione un match point. Dopo avere portato a casa il primo set per 6-3 grazie ad un unico break nel sesto game, lo spagnolo si porta avanti a più riprese anche nel secondo set. Sul 4-2 Robredo ha anche opportunità per salire 5-2 pesante, e sul 5-3 arriva il match point di cui parlavamo, sul servizio del nostro giocatore. Fognini lo salva, e riesce nel controbreak, non senza avere polemizzato con l’arbitro riguardo alla sfida con Monfils al Roland Garros (protratta eccessivamente a lungo in condizioni di luminosità impossibili). Traendo, per una volta, linfa vitale dalla polemica, Fabio arriva al tie-break, che finisce in Liguria grazie a due errori sconcertanti di Robredo. Purtroppo Fognini non riesce a sfruttare la nuova inerzia del match e lascia tornare in partita Robredo, che finisce per guadagnare il break decisivo e difenderlo fino ad un nuovo 6-3 finale, questa volta senza particolari sussulti. Ora Robredo se la vedrà con Pablo Andujar.

In Brasile. Non destano particolari emozioni gli altri risultati provenienti dal Brasile. Tra le teste di serie vince anche Chela, che la spunta su un coraggiosto Dutra Silva per 6-7(4) 7-6(4) 6-3, mentre Ricardo Mello sfrutta il fattore campo per eliminare il finalista di Santiago, Giraldo per 6-4 6-3. Vittorie anche per Berlocq su Ghem, Machado su Bagnis e Kubot su Schwank.

In Olanda cade David. Nel torneo 500 di Rotterdam cade invece il numero 3 del tabellone, David Ferrer, forse troppo frettoloso nel ripartire dopo la semifinale australiana. Il valenciano si è arresto per 6-3 6-4 a Jarkko Nieminen. Avanti senza problemi Soderling (numero 1), che non ha lasciato spazio all’enfant du pays Haase (6-3 6-2), Tsonga con Dimitrov (6-4 6-4) e soprattutto Berdych, che ha lasciato solo 3 games ad un avversario valido come Garcia-Lopez. Avanti anche Ljubicic, Kohlschreiber e de Bakker.

Giovani californiani. San Josè si ritrova ad ospitare una sorta di convegno dei giovani rampanti del tennis mondiale. Se il successo di Kei Nishikori su Jan Hajek non sorprende più di tanto, le vittorie combinate di Raonic su Malisse (6-3 6-4), Berankis su Benjamin Becker (6-3 7-6) e Lacko su Querrey (7-6 6-3) danno forma ad una “new wave” che appare sempre più forte. Desta invece perplessità l’ennesima sconfitta di Querrey, sempre sconfitto in questo 2011. Dabul completa il quadro dei vincitori di giornata a scapito di Alejandro Falla.


Nessun Commento per “STARACE LA SPUNTA, FOGNINI NO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • L’URLO DI POTITO Al termine di una grande prova di forza il campano si è imposto per 7-6 5-7 6-1 sullo spagnolo Tommy Robredo, centrando gli ottavi di finale. Avanza senza problemi Fabio Fognini
  • STARACE E FOGNINI, NIENTE FINALE Potito viene rimontato da Giraldo dopo avere controllato il primo set e perso il secondo al tie-break. Anche Fognini vince il primo ma poi cede a Robredo. A Zagabria finale Dodig-Berrer, a […]
  • POTITO NON DELUDE A Valencia il campano si impone in tre set su Cuevas, centrando per la prima volta in carriera i quarti di finale in un "500" sul veloce. Avanzano Davydenko, Ferrer, Monfils e Soderling
  • SEPPI GRAZIA SODERLING L'azzurro serve per due volte per il match contro il campione svedese ma in entrambi i casi si lascia recuperare, cedendo 7-6 al terzo set. Manca sempre quel qualcosa in più...
  • SODDISFAZIONI “DOPPIE” Nelle semifinali di doppio dell' ATP di Bastad figurano due coppie tutte italiane: Starace-Bracciali e Vagnozzi-Seppi. In singolare avanzano i favoriti, ai quarti anche il qualificato Skugor
  • HAASE IL GUASTAFESTE A San Marino l'olandese supera Starace in due set, infrangendo la speranza di una finale tricolore. Domani se la vedrà con Volandri, vittorioso su Cipolla. Seppi in semifinale a Kitzbuhel

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.