STEFANOS TSITSIPAS, IL FUTURO È QUI

Stefanos Tsitsipas vince le Finals, esce dalla cerchia dei talenti e si lancia verso la consacrazione. Il 2019 sarà l'anno buono per stanziarsi tra i big?

TENNIS – La Grecia si riscopre patria di talenti tennistici grazie ad un ventenne che sembrava essersi perso per strada, poi è riuscito a trovare la via della risalita fino al quindicesimo posto nel ranking e ad una vittoria nelle ATP Next Gen Finals 2018. Stefanos Tsitsipas è il vincitore del torneo di Milano, ma dietro il successo tra le stelle del futuro c’è qualcosa di più.

La vittoria del greco, giunta nella serata di sabato contro un altro grande prospetto come Alex De Minaur, non è altro che la constatazione dell’ovvio, a fronte della differenza tecnica e di ranking al cospetto degli avversari che sì, hanno talento da vendere e lo dimostreranno a breve, ma non hanno ancora superato le prove di maturità di colui che, alla vigilia del torneo milanese, si presentava nelle vesti di numero uno del seeding.

Un cammino tortuoso, quello di Tsitsipas alle Next Gen Finals, che rispecchia perfettamente il suo percorso di crescita, fatto di diversi passi falsi ma anche di exploit che valgono il prezzo del biglietto. Le caratteristiche fisiche hanno abituato il pubblico al suo gioco d’attacco, 193 cm di altezza che gli valgono un’ottima capacità nell’inside out e nella costante ricerca del punto, impreziosita da un carattere mai banale ma nemmeno sopra le righe.

Il 2018 del greco si chiude nel migliore dei modi, facendo registrare due vittorie di prestigio e due sconfitte altrettanto gratificanti. Prima di Milano, infatti, Tsitsipas aveva vinto a Stoccolma nella finale di ottobre contro Gulbis, mentre Rafa Nadal l’aveva battuto due volte, a Barcellona ad aprile e nella Rogers Cup di Toronto ad agosto, nella sua prima finale in un Masters 1000.

Adesso, le Next Gen Finals hanno certificato la sua uscita dalla cerchia di talenti e promesse, entrando nel purgatorio che spetta a chi va a caccia della consacrazione. Il gradino numero 15 del ranking, i 2095 punti complessivi ed una stagione davanti in cui provare ad emulare Alexander Zverev sono i fattori da tenere d’occhio nei prossimi mesi: Tsitsipas è nel futuro, ad un punto di non ritorno.


Nessun Commento per “STEFANOS TSITSIPAS, IL FUTURO È QUI”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.