STEPHENS, DA HOBART SI PARTE CON SAVIANO

L'ex allenatore di Eugenie Bouchard sarà a capo dello staff tecnico dell'americana. La collaborazione, adesso ufficiale, partirà dal torneo di Hobart, anche se i primi allenamenti si sono già svolti nel mese di dicembre
domenica, 4 Gennaio 2015

TENNIS – Anche se la carriera è ancora lunga, c’è da scegliere se entrare nel club delle grandi o in quello delle meteore. Per rientrare nel primo gruppo, dopo una breve comparsa a fine 2013, Sloane Stephens ricomincia da un nuovo coach che la seguirà nella stagione 2015, ormai ai nastri di partenza. La scelta è ricaduta su Nick Saviano, ex allenatore di Eugenie Bouchard e tra gli artefici dell’exploit della canadese.

L’ufficialità della collaborazione è arrivata dopo qualche settimana dagli allenamenti condotti in Florida. L’americana ha già cominciato un programma di allenamento con il nuovo trainer, che l’ha seguita nel mese di dicembre in vista dell’annata imminente. La partnership tra la 21enne statunitense e Saviano comincerà in maniera definitiva dal torneo di Hobart, in programma tra due settimane. Le prime battute dell’anno, quindi, vedranno la Stephens senza staff tecnico ufficiale: queste le premesse dell’ASB Classic di Auckland, che la vedrà nel tabellone principale.

Tutto da guadagnare per la giovane giocatrice di Plantation. Un 2014 davvero deludente, condizionato da un infortunio al polso ad inizio estate e da un rendimento al di sotto delle aspettative. Circa il 50% di incontri vinti nell’anno appena terminato, un ruolino che l’ha fatta scivolare dall’undicesimo posto, miglior piazzamento ad ottobre 2013, al trentaseiesimo posto con cui ha chiuso la stagione. Da settembre il buio più totale, nonostante le collaborazioni saltuarie con Paul Annacone, suo coach per otto mesi, e Thomas Hogstedt. La rinascita può iniziare da un nuovo corso tecnico, al fianco di chi ha fatto esplodere una delle rivelazioni dell’anno, quella Eugenie Bouchard che ha sfiorato a più riprese la vittoria di uno Slam. Per la Stephens, l’obiettivo è quello di tornare ai fasti dell’Australian Open 2013, quando raggiunse la semifinale.

Adesso l’americana riparte da Auckland, poi sarà la volta di Hobart. Evitati i tornei di Brisbane o Sydney, nei quali la concorrenza per un buon piazzamento appare ben più spietata. Melbourne è l’obiettivo minimo che si pongono la Stephens e Saviano, oltre il quale potrebbero decidere se rinnovare o modificare gli accordi della collaborazione.


Nessun Commento per “STEPHENS, DA HOBART SI PARTE CON SAVIANO”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

  • AUSTRALIAN OPEN, FORFAIT DELLA KUZNETSOVA Nulla da fare per la tennista russa, che salterà gli Australian Open e l'intera tournée per il secondo anno di fila. Ecco l'annuncio ufficiale.
  • BOUCHARD-SUMYK, FINE DELLA COLLABORAZIONE La canadese, afflitta da un 2015 da dimenticare, si separa dal suo allenatore e dovrà sceglierne un altro in vista di Toronto. Basterà per dare una nuova svolta al suo talento?
  • EUGENIE BOUCHARD: “VORREI TORNARE IN FINALE A WIMBLEDON” La talentuosa canadese appare più che mai determinata a tornare ai livelli del 2014 grazie al suo ex allenatore Nick Saviano. Poco importa se sia già stata eliminata a Madrid.
  • WTA HOBART, SORPRESA MERTENS Cade prima la numero uno, poi la numero tre in finale: Elise Mertens batte in due set Monica Niculescu e piazza il colpo prima di Melbourne
  • WOZNIACKI: “AUSTRALIAN OPEN? MERITO DI MIO PADRE” Gli Australian Open si avvicinano e Caroline Wozniacki ci andrà nelle vesti di campionessa in carica. Le sue emozioni un anno dopo il trionfo.
  • KATOWICE, GIORGI OK La marchigiana continua la sua avventura polacca grazie alla vittoria in tre set sulla padrona di casa Linette. Bilancio azzurro in attivo, aspettando l'impegno di Sara Errani a […]

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.