SUAREZ – SHARAPOVA, QUANDO DAVIDE SFIDA GOLIA

Sarà un confronto tra due stili completamente opposti a decretare la vincitrice del torneo femminile degli Internazionali Bnl d’Italia. Da una parte la “gigante” Sharapova, dall’altro la piccola Carla Suarez Navarro
domenica, 17 Maggio 2015

TENNIS – Roma. Si chiude oggi la settantaduesima edizione degli Internazionali Bnl d’Italia con le due finali del singolare che ovviamente catalizzano l’attenzione degli appassionati italiani e non. La prima gustosa portata della giornata, che verrà servita proprio a ora di pranzo, sul campo centrale, sarà la finale femminile tra Maria Sharapova, già due volte campionessa al Foro Italico, e la semi-sorpresa Carla Suarez Navarro, numero dieci del mondo.

A guardare le due finaliste, la sfida si presenta come il più classico dei Davide contro Golia. A recitare il ruolo del celebre gigante sarà ovviamente Maria, dall’alto dei suoi 188 cm di altezza. 26 in più rispetto alla sua avversaria di oggi, che ha riportato la Spagna nella finale degli Internazionali, cinque anni dopo la straordinaria cavalcata dell’allora sconosciuta Maria Josè Martinez Sanchez. Davide contro Golia, ma anche un confronto tra due stili totalmente opposti di intendere il tennis e la vita. Alla potenza devastante in campo e la straripante personalità della Sharapova, si contrappone il gioco classico e la mitezza della Suarez Navarro, antipersonaggio se c’è n’è uno nel circuito del tennis femminile. Una giocatrice che però sta pian piano prendendo sempre più quota nel borsino tennistico. Lunedì sarà numero 8 del mondo ed i suoi colpi carichi sulla terra possono essere veramente letali. Ovviamente, Carlita dovrà trovare un modo per arginare la potenza di Masha, variando il gioco il più possibile, con angoli esasperati, per far muovere l’avversaria. E poi non dovrà pagare troppo caramente la debolezza della sua battuta, che potrebbe concedere a Maria l’occasione di prendere immediatamente l’iniziativa con la risposta. Sicuramente non sarà facile, anche perché Maria nelle finali è difficilissima da affrontare (il suo bilancio è di 34 vittorie e 23 sconfitte e a Roma ha vinto in entrambe le occasioni in cui si è presentata all’ultimo atto).

La spagnola però ha già battuto la russa, lo scorso agosto a Montreal, nell’unico dei quattro precedenti portati a casa dalla Suarez Navarro. Per il resto Masha si è sempre imposta facilmente, anche se tutte le sfide si sono disputate sul cemento. Sulla terra rossa sicuramente le armi dell’iberica potrebbero dare anche più fastidio alla russa, che però ha un enorme vantaggio di personalità rispetto alla sua avversaria, alla quale forse manca ancora qualcosa in termini mentali per essere una vera top player, come dimostrano le otto sconfitte patite in nove finali giocate. Il torneo giocato a Roma però, con due partite vinte dopo esser stata a due punti dalla sconfitta, dimostra che sotto quell’aspetto, rispetto al passato, le cose stanno migliorando.

Staremo a vedere se gli enormi progressi fatti dalla spagnola ed il suo tennis estremamente desueto, basteranno per impensierire la Sharapova, la quale comunque vada, nel prossimo ranking ritroverà il secondo gradino del ranking. L’appuntamento è per le 13.30, con il match sarà visibile in chiaro su SuperTennis. 

Nella foto Maria Sharapova e Carla Suarez Navarro si stringono la mano dopo la loro ultima sfida disputata a Brisbane (www.dailymail.co.uk)


Nessun Commento per “SUAREZ - SHARAPOVA, QUANDO DAVIDE SFIDA GOLIA”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.