TOMIC, ZERO IPOCRISIA: “GIOCO PER GUADAGNARE PIU’ CHE POSSO”

Bernard Tomic come al solito non parla mai senza passare inosservato. Questa volta l’argomento sono i soldi e la ragione per cui gioca

8/01/17
» Continua
L’ATP DICHIARA CHE DAL 2015 I MONTEPREMI SUPERERANNO I 100 MILIONI DI DOLLARI

Con un comunicato ufficiale l’Atp ha dichiarato l’aumento (consistente) dei montepremi a partire dalla stagione 2015. Supereranno i cento milioni di dollari. Raggio di sole anche per i tornei Futures e Challenger.

14/12/14
» Continua
400 PAROLE SU QUANTO SIA SBADATA LA WOZNIACKI

Singolare retroscena dagli ultimi US Open: Caroline ha dimenticato l’assegno da 1,45 milioni di dollari che spetta a chi perde la finale. Dimenticati anche i soldi degli sponsor, che in un anno le fruttano “soltanto” 10.000.000…

24/09/14
» Continua
MURRAY: NON BOICOTTERO’ GLI AUSTRALIAN OPEN

Il numero tre al mondo smentisce le voci secondo cui avrebbe boicottato gli Australian Open, se l’organizzazione non avesse aumentato il montepremi. Tra l’altro Andy Murray non si vuole stancare, così nel 2013 non parteciperà al torneo di Dubai. Intanto Roger Federer pur apprezzando l’impegno degli organizzatori australiani, si chiede perplesso se valga o meno la pena di partecipare ad un torneo così lontano

11/10/12
» Continua

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.