SERVIRE PER PRIMI NEL TIEBREAK. UN VANTAGGIO SOLO IN ATP

È il tennista a servire per secondo ad avere un piccolo vantaggio nel tiebreak. Questa regola vale per la Wta, per i tornei Futures e per il circuito Challenger. E, in barba al calcolo delle probabilità, viene ribaltata in ambito Atp.

21/10/15
» Continua
IL TENNIS E LE GRANDI RIVOLUZIONI

Le palline colorate e il tiebreak, l’Hawk-Eye e il round robin. I cambiamenti accettati e gli stravolgimenti solo immaginati nella storia del Gioco dei Re.

20/10/15
» Continua
COPPA DAVIS: DAL 2016 TIEBREAK NEL QUINTO SET

Svolta epocale per il tennis e per la Coppa Davis in particolare. A partire dall’edizione del 2016, verrà introdotto il tiebreak decisivo nel quinto set. La decisione nel meeting annuale della Itf in corso a Santiago del Cile, che eleggerà anche il nuovo presidente della Federazione Internazionale

25/09/15
» Continua
COPPA DAVIS: ADDIO AI MATCH MARATONA?

Dopo lo storico match tra Mayer e Souza, durato sei ore e 42 minuti, starebbe per arrivare l’epocale decisione di introdurre il tiebreak anche nel quinto set. Ad annunciare la svolta, che dovrebbe essere ratificata a settembre ed entrare in vigore dall’edizione 2016 della Davis, è il Presidente della Itf Francesco Ricci Bitti

29/03/15
» Continua

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.