TANTI AUGURI A JENNIFER CAPRIATI, TUTTO TALENTO E SLAM

Tanti auguri all'ex giocatrice statunitense Jennifer Capriati. Due volte campionessa agli Australian Open e grandissima protagonista del Roland Garros targato 2001. Poi i problemi personali e la rinascita.
domenica, 29 Marzo 2015

TENNIS – Oggi, il 39esimo compleanno di Jennifer Capriati, ci da un’occasione più che ghiotta di poter tornare a parlare, e con estremo piacere, dell’ex giocatrice di New York, che nel 1990 è diventata l’atleta più giovane ad essersi mai classificata nella top ten del ranking Wta. Un atleta di talento, sin dai primi scambi made in Usa, la Capriati ha iniziato a guardare il padre giocare a tennis con gli occhi di una bambina desiderosa di poterlo, un giorno, emulare, e ben presto iniziò a prendere lezioni. Dopo essersi trasferita in Florida, ha iniziato a prendere lezioni da Jimmy Evert, il padre della ex star del tennis Chris Evert.

Nel 1990 ha fatto il suo debutto nel mondo del professionismo a soli 13 anni, vincendo il suo primo torneo ufficiale in Puerto Rico, proprio in quello stesso anno. Dopo varie e delicate vicende personali tra cui, ricordiamo, l’accusa di possesso di droga che gli costò tanto tempo lontano dai campi, tornò in pista nel 2001 con una rimonta che tutt’ora, a distanza di anni, risulta incredibile. Ha vinto 14 tornei profesionistici in tutta la sua carriera. Ovviamente la sua risalita è anche e soprattutto merito di una famiglia che da sempre ha sostenuto il talento di Jennifer.

Sua madre, Denise, assistente di volo, e suo padre, Stefano, era un ex calciatore professionista italiano. Quest’ultimo, decise di trasferirsi a Long Island, New York, prima di avere bambini in modo che i loro figli sarebbero stati cittadini americani, scelta che poi avrebbe pagato a discapito dell’Italia che, a conti fatti, avrebbe potuto usufruire del talento della Capriati.

La leggenda, legata alla sua famiglia, sostiene che Jennifer Capriati ha iniziato a giocare a tennis già nel grembo materno. Circa 17 ore prima della sua nascita, Stefano era con Denise a giocare a tennis. “Sapevo che sarebbe stata una giocatrice di tennis prima ancora che nascesse”, disse la madre. Le sue doti atletiche, peraltro, erano già spiccate sin da bambina quando imparò a nuotare prima di aver imparato a gattonare.

Quando Jennifer Capriati aveva soltanto 4 anni, la famiglia si trasferì a Lauderhill, Florida, in modo tale da poter consentire alla piccola Jennifer di giocare per tutto l’anno, grazie alle speciali condizioni climatiche della zona. Jimmy Evert (eccolo che ritorna), istruttore di tennis acclamato e padre di una superstar come Chris Evert, abitava nella vicina Fort Lauderdale, e i Capriati decisero che proprio lui sarebbe stato l’uomo giusto per il processo di crescita di Jennifer. Sebbene Evert inizialmente rifiutò, dicendo che non potesse dar lezioni ad una ragazzina, una volta vista all’opera dovette ricredersi, e in fretta. La stessa storia di quando, più matura, cominciò la sua scalata contro le pari età vincendo e stra vincendo tre slam e facendo finali a raffica in tutto il circuito.


Nessun Commento per “TANTI AUGURI A JENNIFER CAPRIATI, TUTTO TALENTO E SLAM”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.