TEMPI DURI PER GLI OVER 30

Per un tennista che ha superato i 30 anni le possibilità di vincere uno slam sono esigue. Il sito bleacherreport.com prova a stilare una lista degli atleti che, nei major, possono trasgredire questa regola detta ma non scritta.
domenica, 20 Luglio 2014

Tennis – Roger Federer e Serena Williams hanno tante cose in comune. Hanno vinto entrambi 17 titoli del Grande Slam, hanno guadagnato più di ogni altro uomo o donna nella storia del tennis, hanno entrambi 32 anni ed entrambi hanno lasciato Wimbledon con le lacrime agli occhi.

È proprio difficile vincere uno slam dopo aver superato i 30 anni. Il fisico è sempre più logoro, i tempi di recupero si dilatano sempre di più e il divario con gli avversari si allarga inesorabilmente. Tuttavia, Roger Federer e Serena Williams, senza dimenticare Li Na, sanno come si vince uno slam a 30 anni. Ma sono un’eccezione di rilievo alla regola stabilita da Nate Silver’s FiveThirtyEight secondo cui il 10,3% degli slam sono stati vinti da chi ha superato i 29 anni e soltanto il 3,3% da giocatori over 31.

FiveThirtyEight analizza la probabilità per gli over 30 di vincere uno slam. Una condizione molto difficile da realizzare, legittimata anche dai grandi tennisti del passato. John McEnroe e Bjorn Borg hanno vinto il loro ultimo slam a 25 anni. Mats Wilander ha vinto tutti e sette i suoi major prima del 24° compleanno. Includendo i giocatori in pensione, l’età media dei vincitori di tornei dello Slam è 25,16. Lo stesso highlander Jimmy Connors ha raggiunto la semifinale degli Us Open all’età di 39 anni, ma ha vinto il suo ultimo Slam a 31 anni. Inoltre, nella top 25 di Atp e Wta, soltanto sei donne e sei uomini hanno 30 anni o più. È ovvio che chiunque acceda al tabellone principale di uno slam può vincere il torneo. Ma per chi ha superato i 30 anni le possibilità sono quasi inesistenti. Sono pochissimi i tennisti che possono tirare fuori prestazioni di altissimo livello in tornei che durano due settimane e che si giocano al meglio dei cinque set. Il sito bleacherreport.com prova a fare un elenco.

Roger Federer, 32 anni. Il tennista di Basilea ha costretto Novak Djokovic al quinto set nella recente finale di Wimbledon. Ma Nole ha controllato il gioco durante tutto l’arco della partita. King Roger ha versato ogni goccia di sudore possibile per vincere il torneo più amato. E ci è arrivato veramente vicino. Gli esperti pensano che il diciassette volte vincitore di slam abbia ancora possibilità di vincere all’All England Club. Il prossimo anno tra Roland Garros e Wimbledon ci saranno tre settimane di pausa e non soltanto due. Un ulteriore possibilità di recupero per chi Wimbledon lo ha vinto ben sette volte.

Na Li, 32 anni. L’Australian Open è quasi una seconda casa per la tennista cinese. Il livello di gioco espresso nella terra dei canguri è sempre altissimo e le due finali consecutive raggiunte in Australia (sconfitta nel 2013 e vittoria nel 2014) sono la testimonianza del fatto che l’AusOpen è lo slam preferito da parte di Na Li. Inoltre, il suo stile di gioco si adatta perfettamente alla superficie degli impianti di Melbourne Park.

David Ferrer, 32 anni. Si tratta dello specialista della terra battuta a non aver vinto mai un Roland Garros. Il valenciano ha fatto finale a Parigi nel 2013 e la sua percentuale di vittorie nei match sulla terra rossa è del 71,6%. La sua sfortuna è quella di vivere nell’epoca di Rafael Nadal e di non essere mai stato in stato di grazia in quelle pochissime occasioni in cui il maiorchino non è stato al cento per cento o è uscito dal torneo in maniera imprevista (come successo nel 2009).

Venus Williams, 34 anni. La maggiore delle sorelle Williams è stata a due punti dal match al terzo turno di Wimbledon contro Petra Kvitova. Si è trattato di una partita emozionante, se non altro per il fatto che in campo c’erano due tenniste già campionesse all’All England Club. Le possibilità di vincere un major sono quasi inesistenti per la Venere americana, ma il modo in cui ha combattuto contro Petra Kvitova, vincitrice in finale contro la rampante Eugenie Bouchard, lascia intendere che una sorprendente vittoria in un torneo come quello londinese non costituirebbe assolutamente uno scandalo. 

Lleyton Hewitt, 33 anni. L’australiano ha vinto in carriera due tornei del Grande Slam, ma non alza al cielo il trofeo di un major dal 2002. Lo scorso hanno ha raggiunto i quarti di finale a Flushing Meadows. Un sorteggio favorevole potrebbe aiutarlo a fare irruzione tra i grandi e magari a vincere lo slam statunitense, quello che si adatta meglio alle sue caratteristiche. Hewitt non ha mai fatto bene neanche in casa, all’Australian Open. Stesso discorso. Dategli un sorteggio favorevole e uno stato di forma eccellente. A tutto il resto potrebbe persino pensarci il pubblico di casa.

Serena Williams, 32 anni. Vincere uno slam sembrava cosa facile per la dominatrice della stagione 2013. Invece Serenona non è mai andata oltre il quarto turno nei major in questo 2014.  Logico aspettarsi una sua prestazione di rilievo ai prossimi Us Open. Dovesse andar male, tutti sono convinti che la numero 1 Wta sia l’atleta over 30 con maggiori possibilità di vincere ancora un major in carriera. Anzi, si è abbastanza d’accordo sul fatto che Serena possa vincerne ancora anche più di uno. Molto dipenderà dalla sua condizione fisica e dalle motivazioni che Serena Williams avrà in campo. 

 


Nessun Commento per “TEMPI DURI PER GLI OVER 30”


Inserisci il tuo commento


Articoli correlati

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.