TENNIS: ATP. FOGNINI E CECCHINATO STABILI, BEST RANKING PER QUINZI

lunedì, 26 novembre 2018
ROMA - Nella classifica pubblicata stamane dall'Atp, definitiva per le zone alte del ranking, Fabio Fognini si conferma il primo degli azzurri: il ligure e' stabile al numero 13, eguagliando il best ranking (firmato per la prima volta il 31 marzo 2014). Alle sue spalle nessuna variazione anche per Marco Cecchinato, numero 20 (ad un passo dal best ranking), mentre fa un passo avanti Andreas Seppi, 37esimo. Nesuna variazione per Matteo Berrettini, numero 54. Subito fuori dai top 100 perdono una posizione Thomas Fabbiano (n.102), Lorenzo Sonego (108) e Paolo Lorenzi (110), mentre piu' indietro da segnalare il best ranking di Gianluigi Quinzi, ora numero 147, e di Filippo Baldi, che grazie alla finale nel callenger di Andria guadagna 8 posizioni e sale al numero 172. Con la conclusione delle Atp World Tour Finals di Londra il ranking e' oramai diventato "end year", almeno per i tennisti che giocano esclusivamente i tornei del tour maggiore, che ripartira' la prima settimana di gennaio. In vetta c'e' Novak Djokovic, tornato a sedersi sul trono per la quarta volta dopo la finale di Parigi-Bercy: per Nole e' la 227esima settimana complessiva al comando. - (SEGUE). mc/com
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Novembre 2018

  • Naomi incanta. Di cognome fa Osaka, esattamente come la città che le ha dato i natali, ed è un riuscitissimo incrocio di razze dato che la madre è giapponese e il padre haitiano. I fans e gli sponsor impazziscono per lei, che ormai naviga stabilmente tra le top-five.
  • La Davis che verrà. In attesa dell'atto finale della Coppa 2018 tra Francia e Croazia, vi raccontiamo tutti i cambiamenti che il prossimo anno rivoluzioneranno il torneo a squadre più prestigioso del tennis.
  • Attenti a quell'aussie! Si chiama John Millman e finché non ha battuto Roger Federer sul palcoscenico degli US Open era sconosciuto ai più. Il 29enne di Brisbane è infatti sbocciato in ritardo a causa di una lunga serie di infortuni.