TENNIS: AUSTRALIAN OPEN. A MELBOURNE COME A CASA, DJOKOVIC CALA IL POKER

domenica, 27 Gennaio 2013
MELBOURNE (AUSTRALIA) - Novak Djokovic scrive una pagina di storia sul cemento di Melbourne. Dopo una battaglia lunga tre ore e 40 minuti, il 25enne di Belgrado iscrive il suo nome nell'albo d'oro degli Australian Open per la terza volta di fila (impresa mai riuscita a nessuno da 46 anni a questa parte), la quarta complessiva considerando anche il successo del 2008. Troppo forte Nole per l'amico Andy Murray, che alla lunga ha pagato le fatiche della semifinale con Federer, tenendo testa al serbo per i primi due parziali, entrambi finiti al tie-break, salvo poi crollare nelle successive due partite, con tanto di vesciche ai piedi: 6-7 (2-7) 7-6 (7-3) 6-3 6-2 il finale a favore di Djokovic, che 'vendica' cosi' la sconfitta negli Us Open e porta a casa il sesto Slam della carriera. Il numero uno del mondo ha fornito l'ennesima prova di maturita', seppure i passaggi a vuoto non siano mancati, come nel primo set dove non e' riuscito a concretizzare nessuna delle cinque opportunita' avute per strappare il servizio a Murray, andando cosi' in svantaggio dopo il tie-break, o come nel secondo parziale, quando si e' ritrovato sotto 0-40 nel suo primo turno di battuta salvo poi risalire la china e pareggiare i conti. E sul 3-3 del terzo set, con un Murray che faticava a muoversi sul campo come avrebbe voluto a causa delle vesciche, e' arrivata la svolta: per Djokovic un parziale letale di 12 punti a 3 che di fatto gli ha aperto il portone verso la storia. Da quel punto in poi, insomma, l'incontro ha avuto una sola direzione e per il 25enne di Belgrado e' arrivata la vittoria numero 11 a fronte di sette sconfitte nei confronti dell'amico-rivale. - SEGUE - glb/red
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.