TENNIS: CORONAVIRUS. MURRAY “PROBLEMA VIAGGIO,SPERIAMO US OPEN SICURI”

lunedì, 27 Luglio 2020
GLASGOW (SCOZIA) - "Quattro o cinque settimane fa eravamo piuttosto scettici per gli Us Open. Ma mentalmente, ad un certo punto, devi iniziare a prepararti". Andy Murray ha spiegato alla stampa inglese le difficolta' mentali di prepararsi a un torneo che non si e' certi di affrontare. C'e' tanta incertezza intorno alla partenza degli Us Open, teoricamente in programma dal prossimo 31 agosto. Gli Stati Uniti infatti sono il primo paese al mondo per numero di casi di Coronavirus, e il trend e' in crescita. Ulteriori problemi sarebbero legati alle misure precauzionali da prendere, con gli atleti che dovrebbero porsi in quarantena per 14 giorni all'arrivo e poi al ritorno in Europa dagli States, pregiudicando la preparazione al Roland Garros che partira' il 21 settembre. "Se non ti prepari, il programma di allenamento sarebbe diverso - sottolinea il 33enne tennista scozzese, vincitore in carriera di tre tornei del Grande Slam, due medaglie d'oro olimpiche in singolare, una Coppa Davis e altri 41 titoli nei tornei Atp, tra cui 14 Masters 1000 e le Atp World Tour Finals 2016 - Devo prepararmi mentalmente che il torneo si fara'. Il problema per noi atleti e' il viaggio, siamo un po' preoccupati". - (SEGUE). tre/mc/red
News in collaborazione con 0

I commenti sono chiusi.

Dalla prima pagina » Ultima ora

Desideri ricevere in anteprima tutte le notizie? Iscriviti alla Newsletter di Tennis.it

TENNIS OGGI: nel numero di Febbraio 2020

  • Chi è Sonya Kenin?
    La storia della 21enne americana di origini russe che è esplosa a Melbourne.
  • Next Gen ancora immatura.
    Dall'Australia arriva un segnale forte e chiaro: i "Big Three" resistono agli attacchi dei nuovi talenti, che perdono l'ennesima occasione di effettuare il sorpasso.
  • Gastronomia Agonistica
    Le Olimpiadi Gastronomiche hanno chiuso con successo la loro VII edizione, a dimostrazione che questo nuovo sport sta appassionando i Circoli.